Dopo 70 anni chiude “3dicola”: è stata la prima edicola di Moie

MOIE – Dopo 70 anni di storia alle spalle, traguardo festeggiato lo scorso anno, la 3dicola di Moie chiude i battenti. Domenica sarà l’ultimo giorno di apertura per il negozio di via Risorgimento, da sempre gestito dalla famiglia Ludovico. È stata la prima edicola di Moie: una scelta non facile per la titolare Daniela, figlia dello storico edicolante Antonio, scomparso un anno fa: «So che con me si chiude un cerchio partito con mio padre – racconta a malincuore . Si è presentata però l’occasione di rottamare la licenza e così ho deciso di coglierla e di guardare avanti: sono una nonna e ho una gran voglia di passare più tempo con i miei nipoti». Daniela è la terza e ultima Ludovico a gestire l’attività nella frazione: «La storia è iniziato con mio padre che all’epoca si recava in bicicletta a Jesi per acquistare il giornale – ricorda la titolare –. In paese, all’epoca, si era sparsa la voce di questi suoi ‘viaggetti’ e così qualcuno aveva iniziato a chiedergli di portare a Moie qualche copia in più. E così, chi voleva il giornale, sapeva che poteva poi ritirarlo nella barberia di famiglia». Negli anni ’50 e i fratelli Ludovico decidono così di aprire la prima edicola di Moie: costruita in legno, si trovava vicino all’abbazia di Santa Maria, affianco i locali della ex Banca popolare. Dopo qualche anno, la gestione passa completamente in mano ad Antonio in quanto il fratello Emanuele parte per l’estero. Infine è Daniela a portare avanti l’attività nel corso degli anni, passando dall’edicola esterna sulla piazzetta di via Risorgimento fino al trasferimento ultimo nei locali del civico 94. «In questi giorni, stanno passando i clienti più affezionati, alcuni si sono serviti da noi per 70 anni e non riescono a nascondere la commozione – spiega Daniela — Siamo stati un punto di riferimento per la comunità». Ma da lunedì, dunque, si volta pagina: «Mi dispiace abbandonare tutto – conclude la titolare -, allo stesso tempo però sono felice di cambiare vita»

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*