Dopo "La Corrida", la "Mito Rossa" di Dante spopola sul web | | Password Magazine
Banner4Baffi

Dopo “La Corrida”, la “Mito Rossa” di Dante spopola sul web

FALCONARA MARITTIMA – Alessandro Mancuso, in arte Dante, classe ’96, di origini calabresi, si è stabilizzato ormai da anni a Falconara e passo dopo passo si sta facendo conoscere nel mondo della musica. Nel maggio scorso ha partecipato al programma “La Corrida” vincendo l’ultima e ottava puntata con un’esibizione indimenticabile che ha conquistato il pubblico presente. A distanza di pochi mesi dal suo primo successo televisivo, il giovanissimo talento di Falconara Marittima ha già composto il suo primo singolo dal titolo “Mito rossa” che sta spopolando su YouTube.

Con la musica nel cuore sin da piccolo, sta cercando di avverare i suoi sogni che lo accompagnano da sempre e noi di Password ve li abbiamo voluti raccontare.

Ciao Dante, è un piacere conoscerti. Che ne dici se iniziamo parlando un po’ di te?

«Piacere mio. Dunque, mi chiamo Alessandro Mancuso, in arte Dante, ho 22 anni e abito a Falconara, ma ho origini calabresi. Mi sono avvicinato alla musica sin da piccolo, mi ricordo che capitava di cantare per casa o di picchiettare sui banchi di scuola riproducendo un ritmo che mi era rimasto in mente. Ho girato Milano, Rimini, Reggio Calabria sempre per musica, ho un locale con mio zio. Per il resto sono un ragazzo come tanti altri, ma con la musica nel cuore. Diciamo che ho capito sin da subito quale era la strada da percorrere.

Sei nato con la musica dentro si può dire…

«Si direi proprio di sì. L’ho sempre avuta in testa, è quasi una malattia. Se ho una canzone o un rimo dentro non me lo scrollo più. Ho iniziato con le percussioni, con un mio amico senegalese, perché mi vergognavo di cantare e quindi mi sono rifugiato dietro agli strumenti. Il canto me l’ho sempre tenuto un po’ per me perché non mi sentivo sicuro di me stesso. Ma poi, circa due anni fa, ho iniziato un corso di canto vicino casa mia, e da quel momento è come se mi fossi, in un certo senso, ufficializzato come cantante. Per il resto, suono un po’ il pianoforte e la chitarra, ma da autodidatta.

A proposito di canto, com’è cantare in diretta davanti a milioni di persone?

«Caspita, bell’emozione forte. Per la prima volta in vita mia, lì ho avuto la classica paura da palcoscenico; è stata un’esperienza eccezionale. Un po’ ti prende male, per così dire, perché capisci che è tutto vero e che sta accadendo sul serio. E poi, a dirla tutta, lì ci sono capitato quasi per caso: un mio amico mago, che si era già iscritto al programma, mi ha convinto a partecipare ed è andata a finire che ho vinto».

Passi da un successo all’altro, il tuo singolo Mito Rossa sta spopolando su YouTube. Di che cosa parla il brano?

«Per raccontarlo c’è da fare un passo indietro. Ad un talent a Sanremo conobbi una ragazza di Ferrara che mi ha letteralmente rapito il cuore. Purtroppo la storia è andata a finire male e un po’ ci ho messo per elaborare l’accaduto. Ecco, lei aveva una mito rossa e da qui lo spunto per la canzone. Come sottofondo ci ho abbinato una base che mi fa suscitare il suo ricordo e con questa combinazione di fattori è nato il singolo. La mito rossa è un’idea, una situazione che è capitata a tutti almeno una volta nella vita, quella di una delusione di amore. Un pezzo del testo dice che la macchina sfreccia in un deserto lasciato da un vuoto: la macchina è rossa e rappresenta il sentimento dell’amore e il deserto è quello che è rimasto dalla sua assenza».

E per il futuro invece, qualche progetto?

«In questo momento sto lavorando a un paio di canzoni, una più movimentata e l’altra ancora in fase di elaborazione, ma quasi sicuramente, usciranno nel giro di qualche mese. In mente ho anche un’altra canzone, ma ci lavorerò quando avrò più tempo perché è dedicata a mia madre che non c’è più, e voglio quindi prendermi il giusto tempo. Per quanto riguarda lo stile invece, diciamo che non ho un genere fisso ma sono multi genere. A me la musica piace tutta e la faccio con il mio stile, con il genere di Dante».

Cosa c’è dietro al nome Dante, proprio non siamo riusciti a farcelo raccontare; vorrà dire che per scoprirlo dovremo aspettare altri suoi successi.

A cura di Margherita Piersantelli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.