Doppio appuntamento con il Teatro Ragazzi, a Jesi e ad Arcevia | | Password Magazine

Doppio appuntamento con il Teatro Ragazzi, a Jesi e ad Arcevia

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Domenica 26 gennaio alle ore 17 doppio appuntamento con la 36esima Stagione di Teatro Ragazzi curata dall’ATGTP, al Teatro Pergolesi di Jesi con “Pollicino” e al Teatro Misa di Arcevia con “Giangatto e la strega Giuseppina”.
Lo spettacolo in programma a Jesi, “Pollicino” del Teatro del Piccione, è stato premiato con l’Eolo Awards 2019 , l’oscar del Teatro ragazzi in Italia.  Su regia e drammaturgia della Compagnia Rodisio di Davide Doro e Manuela Capece, e interpretato dagli attori Paolo Piano e Simona Gambaro, “Pollicino” narra una storia esemplare, in cui scopriamo che gli orchi esistono ma si possono anche sconfiggere. “Pollicino” è un invito a diventare grandi senza paura. O meglio, a dar voce a quella paura, sana in ogni distacco, necessaria a farsi forti sulle proprie gambe, a trovare la strada nei momenti in cui tutto sembra troppo difficile. E così imparare la fiducia di potercela fare.
Lo spettacolo è nettamente diviso in due parti, nella prima, dominata dai due genitori e dalla presenza di una casa troppo stretta per accoglierli tutti. Tra narrazione e interpretazione assistiamo poi all’abbandono dei ragazzi, alle inutili furbizie del ragazzo per tornare con i fratelli nella casa in cui è cresciuto e al loro perdersi nel fitto del bosco. Nella seconda parte lo spettacolo prende il volo in modo visionario, attraverso le musiche di Verdi e Wagner: l’orco con il suo coltellaccio e sua moglie, assisa ai piè del fuoco, escono piano piano dalle tenebre per infondere nei bambini quella giusta e doverosa paura che rendono ancora necessarie le fiabe.
Al Teatro Misa di Arcevia va in scena “Giangatto e la strega Giuseppina” della Compagnia Teatro Invito. Protagonista è una strega distratta e un po’ pasticciona, che non mangia i bambini. Preferisce i cioccolatini. Il suo assistente Giangatto, un gattone musicista e apprendista stregone, la sta aiutando a preparare una pozione magica: ci va una lunga cottura, è la pozione per vincer la paura. Ma occorrono degli ingredienti un po’ speciali e per quelli chiederanno l’aiuto dei piccoli spettatori. Così tra filastrocche in rima un po’ rap, Giangatto e Giuseppina racconteranno tre fiabe dal punto di vista della strega: Hansel e Gretel, Biancaneve e la Baba Jaga. Per dimostrare che le streghe e le loro magie possono essere benefiche e non c’è niente di cui aver paura. Lo spettacolo va nel solco della ricerca di Teatro Invito sulla fiaba classica. Il testo, in buona parte in rima, va nella direzione del divertimento scanzonato. La scena è caratterizzata da oggetti apparentemente semplici ma utilizzati in modo ingegnoso. I bambini vengono coinvolti nella storia e nell’approntamento di vere e proprie piccole magie.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.