Dosi di cocaina nascoste in un pacco regalo, arrestati e quattro anni di pena - Password Magazine

Festival Pergolesi

Dosi di cocaina nascoste in un pacco regalo, arrestati e quattro anni di pena

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Continua l’incessante attività preventiva e repressiva nei confronti del traffico illegale di stupefacenti da parte dei Carabinieri del Comando Provinciale di Ancona. Il contrasto dello spaccio di droghe nella provincia dorica è una delle priorità dell’Arma locale. Proprio ieri, a Jesi, i carabinieri hanno arrestato uno straniero colto dalla locale Radiomobile a spacciare hashish, in uno dei noti giardini pubblici frequentati da giovani ed anziani.

Inoltre, sempre nella giornata di ieri sono stati condannati ad espiare una pena detentiva di oltre quattro anni alcuni dei soggetti ritenuti responsabili per i fatti accertati dai Carabinieri del Comando provinciale di Ancona nel 2019.

Si tratta di un’importante operazione antidroga dei Carabinieri della Compagnia di Jesi che, nel dicembre del
2019, aveva portato all’arresto di tre persone di origine calabrese ed il sequestro di oltre 1,3 kg di cocaina suddivisa in 240 dosi oltre ad un ingente quantità di denaro suddivisa in banconote di piccolo taglio.

I militari avevano arrestato tre persone per detenzione illegale di sostanza stupefacente finalizzata allo spaccio, rinvenendo e sequestrando 200 dosi di cocaina nascoste in un veicolo controllato dal Nucleo Operativo Radiomobile e della Stazione di Jesi, durante un’attività antidroga pianificata per il contrasto degli stupefacenti. La sostanza era camuffata in un pacco regalo natalizio che aveva subito insospettito i carabinieri impegnati nel controllo.

Le approfondite ricerche seguenti avevano consentito di rinvenire altre 40 dosi, già pronte per la vendita, in un’abitazione in uso ad uno dei tre arrestati. Circa 1.330 grammi di cocaina suddivisa in 240 dosi erano state sottratte al mercato illecito degli stupefacenti marchigiano per quelle festività natalizie, che di sicuro sarebbero finite nelle mani di migliaia di giovani.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.