Downtown Abbey, la serie aristocratica

Downtown Abbey è una serie anglo-americana nata nel 2010 da un’idea di Julian Fellowes, oscar alla migior sceneggiatura nel 2002 con Gosford Park, nonché attore e barone di West Stafford. La serie televisiva, molto apprezzata in patria ma quasi sconosciuta in Italia, è stata trasmessa su rete 4 nel 2012, ed oggi è alla terza stagione.

Girata nel Highclere Castle nell’Hampshire, Downtown Abbey segue le vite dell’aristocratica della famiglia Crawley, sconvolta dall’affondamento del Titanic diretto negli Stati Uniti. Alla notizia della tragedia seguono molte vicissitudini,  che girano intorno al cugino del conte, James Crawley, e suo figlio Patrick, erede della loro proprietà, nonché della cospicua dte della contessa Clora, tutti deceduti ne naufragio. Il beneficiario di tutta l’eredità è il giovane Matthew, un cugino di terzo grado che lavora come avvocato a Manchester, e quindi malvisto dal resto della famiglia perché “lavoratore”.

Secondo molte riviste italiane la serie è un affresco dell’Inghilterra edoardiana, ma è possibile che siano stati tratti in inganno dai costumi e dalle ambientazioni, quelle si ben fatte. Infatti un dramma in costume ha bisogno di molto di più che il lato estetico per essere etichettato come film di valenza storica. Quelli che hanno visto lo scontro tra tre clasi sociali, cioè aristocrazia , servitù e la nascente borghesia non si sono forse accorti che la narrazione è molto più vicina al racconto di saga, con caratteri quasi mitizzati di un passato edulcorato al presente. È pur vero che la famiglia Crawley attraversa tutte le vicende storiche, dal fine ottocento alla prima guerra mondiale, soffermandosi all’età del Jazz, della quale Fellowes dice, forse con cognizione di causa: «È il primo fenomeno musicale che abbia interessato tutte le classi sociali. Ora ci siamo abituati, ma in realtà è un fenomeno moderno del Ventesimo secolo. Precedentemente alla Prima Guerra Mondiale la classe lavoratrice apprezzava i musical mentre le classi alte apprezzavano altre tipologie di canzoni. La musica jazz ha rimescolato le carte e alla fine degli anni Venti arriva Hollywood. Tutto ciò porta all’epoca del Charleston, verso il 1926.  È opinione diffusa che la gente abbia posato i fucili e si sia messa improvvisamente a danzare, ovviamente è stato tutto più graduale, ma le classi si sono progressivamente avvicinate: erano cambiati i flussi di denaro e le aspettative di vita. E anche se le classi non sono scomparse, esistono ancora oggi, certi vincoli e certe limitazioni divennero meno comuni».

 Nulla da togliere alla serie, dunque, né all’impegno ricostruttivo degli stessi attori, neanche ai messaggi a sfondo sociale insiti nella stessa, ma sinceramente siamo lontani dal “romanzo di appendice” o “romanzo storico-sociale” con la quale la serie (forse per scelta di marketing) ci viene presentata.

 

Giuseppe De Lauri

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*