Draghi: «Vogliamo riaprire la scuola fino alla prima media». | Password Magazine

Draghi: «Vogliamo riaprire la scuola fino alla prima media».

Il premier Mario Draghi ha annunciato la volontà del Governo di riaprire anche nelle zone rosse attraverso un nuovo decreto dopo Pasqua.

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

«Riaprire la scuola fino alla prima media». É quanto ha detto oggi il premier Mario Draghi oggi in conferenza stampa, annunciando la volontà del Governo di riaprire anche nelle zone rosse attraverso un nuovo decreto dopo Pasqua.

«Le scuole riaprono fino alla prima media, il ministro Bianchi sta lavorando perché avvenga in modo ordinato e in alcuni casi sarà possibile effettuare dei test – ha detto – Cosa ci ha portato a questo? Le decisioni prese dall’ultima cabina regia hanno portato a una diminuzione nel tasso di crescita dei contagi e addirittura si vede una diminuzione. Ovviamente il resto della situazione è critica e preoccupante, ma si era deciso che se ci fosse stato spazio lo avremmo utilizzato per la scuola, fino alla prima media. Aprire ulteriormente aumenterebbe le forme di contagio. Nel frattempo è uscita una serie di evidenze scientifiche che spiegano che la scuola fino alla prima media è fonte di contagio in misura molto limitata. Ciò che è fonte contagio e tutto ciò che avviene intorno alla scuola: in primis il trasporto, le attività para-scolastiche. Più si alza l’età scolastica e più queste attività aumentano. Tutti gli altri provvedimento restano in piedi dato che la scuola è un punto di contagio limitato solo in presenza di altre restrizioni. Ciò che è fonte di contagio è tutto ciò che avviene attorno alla scuola, quindi più si alza l’attività scolastica più aumentano le possibilità di contagio» ha spiegato il premier.

«Le misure adottate nelle ultime settimane ci hanno permesso di registrare un primissimo rallentamento del contagio – ha detto il Ministro alla Salute Roberto Speranza – Anche l’Istituto superiore di Sanità ha segnalato un Rt sceso a 1,08 ISS da 1.16 della scorsa settimana. Per la prima volta dopo 6 settimane registriamo un elemento di decrescita. Lo stesso per il tasso di incidenza che è passato da un 1 su 100 mila abitanti a sotto i 250 mila. La situazione è ancora delicata ma ci possiamo consentire in un quadro che resta prudenziale una scelta che vuole dare un segnale rilevante a un pezzo strategico della nostra società. Per questo abbiamo deciso di spendere questo “piccolo tesoretto” nelle scuole per la funzione sociale che ricopre».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.