Droga negli slip, arrestato giovane pusher bengalese | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Droga negli slip, arrestato giovane pusher bengalese

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – I carabinieri hanno arrestato ieri un giovane pusher bengalese di 19 anni per detenzione di droga a fine di spaccio.

La lotta al traffico degli stupefacenti si fa sempre più incessante da parte dei Carabinieri della Compagnia di Jesi, agli ordini del Maggi. Benedetto Iurlaro, attraverso tutte le sue componenti.

È proprio di ieri sera l’ennesimo risultato portato a casa dai carabinieri del Nucleo Radiomobile diretto dal Maresciallo Roberto Scarpone.

Erano circa le 18.30 quando per le vie del centro storico un equipaggio notava un ciclomotore con due giovani a bordo, i cui passeggeri si giravano insistentemente quasi a voler verificare le mosse dell’autoradio.

I militari, insospettiti dall’atteggiamento del giovane, decidevano di raggiungere il ciclomotore e procedere ad un minuzioso controllo.

Alla guida veniva identificato un minorenne, mentre in qualità di passeggero un giovane cittadino bengalese prossimo ai 19 anni, già noto alle forze dell’ordine perché più volte sottoposto a controllo e perché assiduo frequentatore di parco Zannoni, luogo questo tenuto particolarmente sotto osservazione da parte dei militari.

Alla richiesta di esibire i documenti di identificazione, il bengalese  incominciava a manifestare tremolio ed eccessivo stato di agitazione, come a voler nascondere qualcosa.

Avendo fondato motivo di ritenere che il giovane occultasse stupefacenti, veniva condotto in caserma e sottoposto a minuziosa perquisizione personale, nel corso della quale, all’interno degli slip, veniva rinvenuto un involucro di cellophane contenente sostanza stupefacente del tipo marijuana.

Ricorrendone i presupposti, i carabinieri estendevano la perquisizione anche nell’abitazione dove, all’interno del garage, occultato in un barattolo di yogurt, venivano rinvenuti ulteriori 70 grammi della stessa sostanza, nonché materiale vario per il confezionamento.

Ma veniva anche effettuata una perquisizione telematica sul cellulare dei giovani, dove venivano rinvenuti alcuni messaggi e conversazioni in chat in linguaggio criptato, ma il cui tenore era riconducibile a cessioni imminenti verso terzi.

Stante gli elementi raccolti, l’extracomunitario veniva dichiarato in arresto per detenzione ai fini di spaccio. Il pm di turno, notiziato dell’arresto e valutate le risultanze investigative, disponeva ai sensi dell’articolo 121 delle norme di attuazione del cpp che l’arrestato fosse posto in libertà in quanto non veniva ravvisata la necessità di richiedere l’applicazione di misure coercitive.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.