Due badanti ripuliscono il conto di un anziano e suo figlio | | Password Magazine
Banner4Baffi

Due badanti ripuliscono il conto di un anziano e suo figlio


JESI -E’ accaduto a Jesi, dove un uomo ed una donna, carpendo la fiducia di un anziano di 90 anni e di suo figlio convivente, hanno prosciugato i loro conti corrente.

Il copione è di quelli già visti.
Entrambi, pur non conoscendosi tra loro, hanno incominciato a frequentare la casa dell’anziano, l’uomo con la scusa di offrire i suoi servigi come badante, mentre la donna per offrire compagnia al figlio 58 enne con gravi problemi di salute.
Ma accade, però, che qualcosa va storto ed un secondo figlio dell’anziano si accorge che alcune bollette dell’energia elettrica e del gas non erano mai state pagate.
Insospettito da quanto era emerso, considerato che l’anziano aveva regolarmente consegnato al badante un assegno per effettuare i pagamenti, il congiunto verifica presso l’Ufficio Postale che il conto corrente del padre era stato prosciugato di tutti i risparmi.
Avendo avuto la percezione che anche il fratello fosse rimasto vittima di analogo inganno da parte della donna, ha chiesto al fratello contezza del suo conto corrente, scoprendo che costui nulla sapeva di quanto vi era depositato.
Presentata la denuncia presso la Stazione Carabinieri di Jesi, gli uomini del Luogotenente ROSSI si mettono subito al lavoro per scoprire modalità e circostanze che avevano portato al prosciugamento del conto corrente dell’anziano, non trascurando di verificare quello del figlio convivente.
I militari, quindi, chiedono immediatamente al Centro Multiservizi di Poste Italiane informazioni sia sui movimenti di entrambi i conto correnti, ma anche sugli assegni che eventualmente fossero stati emessi.
Le informazioni fornite non hanno lasciato scampo a dubbi: i conti correnti erano stati completamente ripuliti. Quello dell’anziano dal badante, quello del figlio dalla donna, utilizzando il postamat di cui ne conoscevano il PIN.
Ora i militari, che hanno già redatto una preliminare informativa alla Procura della Repubblica ipotizzando a carico dei responsabili il furto aggravato, devono stabilire il reale importo rubato dai conti correnti, ciò anche per eventualmente addebitare loro l’aggravante dell’ingente consistenza economica.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.