Due manoscritti tornano in vita grazie ai restauri dell’Art Bonus

JESI – Il mecenatismo moderno di Art Bonus torna a far parlare di se’ in Vallesina. Jesi, primo Comune che nell’estate 2014 aderì allo strumento incentivo introdotto dal Ministro Franceschini, sta adempiendo in maniera eccelsa alla restaurazione delle opere segnate nell’elenco dei catasti dei 2017.

In questa seconda giornata di “orgoglio jesino”, come affermato dall’Assessore alla Cultura Luca Butini, sono stati presentati due importanti manoscritti appartenente all’ Ente Comunale: Il Blasonario di Adriano Colocci e il codice di Sebastiano del Serlio, i cui restauri sono avvenuti per mano di Stella Mimmotti.

Il Blasonario, del marchese jesino Adriano Colocci, grande viaggiatore e personaggio eccentrico, è un manoscritto risalente al 1916, che riporta stemmi e araldi delle principali famiglie notabili italiane dell’epoca. Il finanziamento per il restauro è stato donato dall’ingegner Luca Tombari, il quale ha affermato: “Scegliere di finanziare questo restauro mi ha entusiasmato: il Blasonario mi ha incuriosito perché il 90% del contenuto raccoglie la storia jesina. La mia testimonianza vorrei che servisse per coinvolgere nuovi donatori. Art bonus è uno strumento a portata di tutti”.

Come descritto dallo storico Riccardo Piccioni, questo manoscritto è un esempio di “recupero di civicità”. Questa opera, relativamente moderna, nell’analisi precedente al restauro ha mostrato danni nella parte iconografica, ovvero nella parte dei fogli che accoglievano le tempere degli stemmi, delle macchioline brune, dovute all’esposizione a determinate luci, che tuttavia non arrecano danni al mantenimento. Nelle pagine di scritto erano invece presenti muffe: per evitare la diffusione di ulteriori muffe sono state apposte delle carte veline per isolare ogni pagina. Inoltre, sono stati riparati il dorso del libro in pergamena di pecora e ugualmente anche le cuciture del fascicolo.

Meno recente, invece, il codice di Sebastiano del Serlio, un manuale pratico redatto da questo architetto veneto, che ebbe anche contatti con l’artista jesino Lorenzo Lotto. Questo abaco relativo ai vari motivi architettonici, è un opera di carattere molto pratico, realizzata nel 1537. Il restauro, donato dall’architetto Marco Ferrari, è stato in questo caso più complesso ed ha consentito lo smontaggio del volume e un test della solubilità all’acqua, per un alleggerimento dell’acidità della carta, che è diventata in questo modo più bianca e lucente, eliminando oltretutto le gore d’acqua e oleose presenti. Le cuciture della chiusura sono state rilegate e i bordi del manoscritto sono stati ricostruiti con carta giapponese.

“Il messaggio- chiave che le opere finanziate da Art Bonus vogliono far emergere è il senso di appartenenza che si instaura fra mecenate ed Ente pubblico, fra volontari e fruitori di queste opere. In questo periodo del dono Art Bonus è una chiara dimostrazione di come il territorio risponde prontamente alle proposte ministeriali e alle richieste del pubblico” – ha affermato Butini.

Proprio in questa logica sono stati infine premiati i volontari della delegazione jesina del FAI, responsabili di aver donato “Nuova linfa ai musei”, come il titolo del premio stesso.

 

A cura di Giovanna Borrelli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.