Due parole su F.I.CO, la Disneyworld del cibo | | Password Magazine

Due parole su F.I.CO, la Disneyworld del cibo

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE a cura della dottoressa Letizia Saturni

Credo ormai che buona parte dei lettori sappia che mercoledì 15 novembre è stato inaugurato il più grande e il primo esperimento al mondo di parco tematico sul cibo: F.I.CO. il cui acronimo significa Fabbrica Italiana COntadina.

Dalla storia sappiamo che ci fu il ‘pomo della discordia’ oggi piuttosto è diventato il ‘FICO della discordia’ tanto che sia la vigilia che la stessa inaugurazione fino alle prime battute d’avvio  sono state costellate dalle più acerrime invettive … è ormai un consolidato italico copione che si ripete dal titolo Bene-o-Male-l’Importante-è-Che-Se-Ne-Parli!

In questo scenario ho deciso anche io, di scrivere due righe su F.I.CO. pur non essendo ancora andata a visitarlo, sia perché sono un professionista che si occupa di cibo e che promuove scelte consapevoli di prodotti del territorio, sia perché sono piuttosto curiosa e attenta al nuovo!

La trimurti della Disneyworld del cibo: il Presidente e Direttore generale di Caab – Andrea Segrè, l’Amministratore Delegato di Fico Eataly World – Tiziana Primori ed il fondatore di Eataly – Oscar Farinetti, hanno progettato e realizzato una vera e propria Arca alla periferia di Bologna, di 80.000 m2 e di 130.000.000 di euro all’interno della quale sono salvaguardate le eccellenze della produzione italiana dal campo alla forchetta. Uno spazio che include ben 40 fabbriche; 40 luoghi ristoro; botteghe e mercato; aree dedicate allo sport, ai bimbi, alla lettura e ai servizi; 6 aule didattiche, teatro e cinema; un centro congressi; una Fondazione con 3 università oltre a 2 ettari di campi e stalle all’aria aperta.

Immagino e capisco che tante possono essere le storture e compendo anche che ci possano essere validi motivi per esprimere il personale disappunto ma comunque – a mio modo di vedere – F.I.CO. non credo possa essere definito la mecca del consumismo quanto piuttosto credo sia una innovativa realtà da conoscere e da capire dove si impara il cibo e si butta qualche seme per la lotta agli sprechi. A tal proposito non è stato sprecato suolo per la sua costruzione poiché gli architetti hanno ottimizzato ciò che c’era oltre al fatto che all’interno si può sperimentare una viabilità sostenibile su bici a tre ruote brandizzata Bianchi o a piedi o su navetta brandizzata da Trenitalia.  

Tanto per dar conto ed essere realisti ad esempio F.I.CO. non ha retto il primo battesimo di pioggia a catinelle di qualche giorno fa tanto che si è arricchito di una originale quanto improvvisata installazione di secchi rosso-blu per raccogliere l’acqua, proprio nella piccola arena della piazza centrale di EatalyWorld!

Ora però torniamo al significato di F.I.CO. un progetto indubbiamente unico ed affascinante che a poco a che spartire con un supermercato evoluto. Credo che ne dovremmo essere orgogliosi come italiani, popolo detentore della Dieta Mediterranea, unanimemente riconosciuta dalla comunità scientifica come l’unica alimentazione per la nostra salute. Fico Eataly World vuole essere il luogo del cibo dove poter appezzare e ricordare l’affascinante significato e valore biodiversità dell’agro-alimentare italiano.

Personalmente credo che oltre a ciò, ci siano altri punti di forza quali:

la possibilità di osservare da vicino processi autenticamente industriali e applicazioni nel settore alimentare della grande meccanica di precisione italiana;

– la concretezza della più avanzata e geniale risposta alla crisi del commercio al dettaglio;

– il fatto che coinvolge, mette a sistema e lancia una sfida a industrie di qualità già strutturate contribuendo al loro salto dimensionale ed infine offre una massiccia alternativa -sicuramente meno alienante ma non meno appagante – alle famiglie che per non pensare troppo a cosa fare passano regolarmente i fine settimana negli shopping mall tra cibo spazzatura, vestiti che non possono permettersi e insegne di cattivo gusto.

Vi ho incuriosito un po?

Bene, io presto lo visiterò e …

per i più sedentari curiosi è possibile fare un  tour-virtuale qui: https://www.eatalyworld.it/it/

Per appuntamento: 347 4351576 – www.letiziasaturni.it 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.