Duemila idee per la Pace, centinaia di palloncini volano in cielo | | Password Magazine

Duemila idee per la Pace, centinaia di palloncini volano in cielo

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Centinaia di palloncini sono volati in cielo in questa mattina dell’Epifania per il tradizionale appuntamento con 2000 idee per la Pace. L’iniziativa, organizzata dalla Consulta della Pace con Paolo Gubbi coordinatore, ha richiamato tantissimi bambini delle scuole primarie e materne della città, pronti a lanciare il loro messaggio di amicizia e speranza. Circa 700 i palloncini librati in aria, un numero volutamente inferiore rispetto alle precedenti edizioni come segno di sensibilità e rispetto per l’ambiente:  «In considerazione della crisi climatica abbiamo ritenuto opportuno quest’anno apportare alcune modifiche – aveva spiegato Gubbi – visto che l’elio con cui i palloncini volano è sempre più scarso e di difficile reperibilità e il processo di degradazione della plastica biodegradabile non è immediato, abbiamo deciso di ridurre del circa 50% il numero dei palloncini che scenderà quindi a 700 totali. La formula del lancio è stata mantenuta per la sua valenza simbolica ma con una maggiore attenzione all’ambiente».
Dopo il ritrovo dal piazzale dell’ex Appannaggio, intorno le 12 il corteo guidato dalla Banda cittadina è arrivato in piazza Federico II: dopo i saluti del sindaco Massimo Bacci e del vice Luca Butini, il coordinatore Gubbi ha scandito il countdown fino al lancio. Visto la riduzione dei palloncini, il messaggio di pace è stato elaborato come lavoro di classe e non del singolo bambino: ciascuno ha comunque potuto imbucare una propria letterina nelle cassettine postali posizionate nell’ex Appannaggio, distinte per lingue.

L’evento prosegue nel pomeriggio al Teatro Pergolesi dove con l’ncontro “Siria, luci e ombreda mosaico di etnie e culture a paese in macerie” con ingresso libero fino ad esaurimento posti.
Ospiti della Consulta, la giornalista e scrittrice Asmae Dachan, insignita da pochi mesi del titolo di Cavaliere della Repubblica dal Presidente Mattarella. Il fotoreporter Gabriele Micalizzi ha invece comunicato alla Consulta che purtroppo, per motivi di salute, non potrà prendere parte all’iniziativa.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.