Duro scontro tra Jesi in Comune e Jesiamo sull’interpellanza “Patto per la Scuola”

Duro botta e risposta a suon di comunicati tra Jesi in Comune e i gruppi di maggioranza che fanno capo all’associazione Jesiamo.
Il tutto dopo l’interpellanza iscritta all’odg di ieri in consiglio comunale che aveva ad oggetto il mancato rispetto del patto per la scuola.
Questo il comunicato di Jesi in Comune:
“Una politica che abbandona le periferie e manca, totalmente, di progettualità. Ecco la risposta dell’assessora Marisa Campanelli alla nostra interpellanza sul mancato rispetto del Patto per la scuola che il Comune si è vantato più volte di aver siglato in accordo con i dirigenti scolastici. La Campanelli e l’amministrazione alzano bandiera bianca di fronte alle questioni dell’inclusione evidenziati dai numeri, dichiarando il fallimento delle loro politiche a riguardo.
Il Patto per la scuola non viene rispettato perché, secondo la Campanelli, è impossibile da rispettare: che cosa ci può fare l’amministrazione se gli studenti italiani lasciano la scuola di competenza per fare richiesta in altre scuole? Un murale per dire no al razzismo non basta di certo, neppure togliere la parola “razza” dal vocabolario servirà a niente se non si mettono in campo azioni concrete per aiutare gli insegnanti a portare avanti un programma didattico adatto all’anno che viene frequentato.
Potrebbe servire parlare con le famiglie, incontrare gli insegnanti e i dirigenti. Ma questa si chiama politica e nel Consiglio di oggi, l’assessora ha dimostrato di esserne digiuna.”
La risposta dei gruppi di maggioranza Jesiamo e Jesinsieme, espressione dell’associazione Jesiamo:
“Inaccettabile. Irrispettoso. Irresponsabile. Non abbiamo altri termini per commentare l’incomprensibile comunicato stampa di Jesi in Comune sul Patto per la Scuola.
Una verità totalmente e, a questo punto, volutamente travisata quella riportata dal gruppo consiliare di minoranza che preclude, con questi presupposti, qualsiasi forma di confronto basato su un’onestà intellettuale che ancora una volta risulta assente.
Unici – visto anche quanto riportato dalla stampa odierna – a non voler comprendere quanto affermato ieri in Consiglio Comunale dall’Assessore Campanelli che sarà possibile poi leggere nei verbali o ascoltare grazie alla differita video.
Attacco proveniente da chi si fa paladino del lavoro, del rispetto della persona, ma che in realtà, in questo caso, insulta la persona, a cui va tutta la nostra stima e solidarietà, e non ne riconosce l’impegno a portare avanti, unica nelle Marche, un progetto con una mole di lavoro immenso svolto nelle scuole insieme a dirigenti e consigli di Istituto.
Un’irresponsabilità atta solamente a fomentare, strumentalizzare, far apparire gli altri nemici, sventolando poi nei cortei le bandiere della pace.
Difficile parlare di integrazione con chi non ammette “diversità”.”

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*