È in arrivo il grande Gelo, a tavola come difendersi? Ecco il menù anti-Freddo

ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE

A cura di Letizia Saturni

È arrivato tardi, ed ora si sta facendo davvero sentire: il grande freddo!

Per difendersi al meglio un aiuto viene non solo da un abbigliamento adeguatamente caldo ma anche dal buon cibo e soprattutto da scelte consapevoli. E’ importante fornire un giusto mix di nutrienti e calorie senza eccessi e/o sbilanciamenti pericolosi per la salute e la personale silhouette.

Legumi, carne, fruttaverdura e ortaggi di stagione e frutta secca a guscio sono validi ed efficaci alleati. Sono considerati dei veri e propri cibi anti-freddo poiché forniscono all’organismo un adeguato apporto calorico oltre a dare una sferzata energetica al metabolismo, spronandolo a produrre più calore. Non è sicuramente da dimenticare che sono fonti privilegiate di vitamine, minerali e fibra alimentare. Seppur vero che il fabbisogno calorico aumenta rimangono comunque banditi i grassi e rimane sempre valido l’invito a controllare gli alcolici. La sensazione di calore che questi regalano, è momentanea ed effimera, dovuta all’azione vasodilatatrice dell’alcol che però ben presto finisce per favorire il raffreddamento del corpo.

La Dott.ssa Letizia Saturni

Tornando invece alla vitamine sono la vitamina C, la vitamina A e quelle del gruppo B che più aiutano il nostro organismo a reagire in questo periodo particolarmente freddo. Fin dal mattino arricchendo la nostra colazione con una gustosa spremuta di agrumi siamo in grado di fornire una buona dose di vitamina C. Broccoli, spinaci, zucca e carote , alimenti di origine vegetale ricchi di vitamina A oltre a legumi e cereali ricchi di vitamine del gruppo B, non debbono mai mancare nei nostri menù quotidiani sia come contorni a pietanze di pesce o carne che come zuppe o vellutate.

Quale Health Coach – Vi lascio come allenamento culinario un esempio di Menù anti-freddo:

Colazione: 

spremuta di agrumi

fiocchi di cereali integrali con uvetta e mandorle

yogurt

tè o caffè.

Pranzo: 

insalata mista

pesce con radicchi (o verze o carote)

pane integrale con semi di zucca, girasole e lino.

Cena: 

riso integrale con carciofi o radicchio

(oppure pasta integrale con i broccoli o minestra di cereali e verze)

carpaccio di barbabietole

pomodori in insalata o al forno

1 bicchiere di vino rosso.

Prima di dormire: 

infuso di rooibos (the rosso africano) o rosella (ibisco)

Gli spuntini possono essere a base di frutta essiccata – ad esempio 3 prugne – oppure frutta a guscio (15 mandorle, 6 noci …).

Per appuntamento: 347 4351576 – www.letiziasaturni.it 

Sai come funziona il Tuo termometro biologico?

Esistono termocettori cutanei in grado di percepire le variazioni di calore dell’ambiente e innescare la risposta a livello organico.

Questi aiutano a mantenere il più possibile costanti i gradi corporei attraverso un meccanismo che disperde calore (se fa caldo) o ne favorisce la produzione (se fa freddo).

Ancora non sono stati spiegati i meccanismi che sottendono a reazioni diverse per essendo alla stessa temperatura: alcune persone sono a loro agio mentre altre sentono freddo.

La cura per far fronte a questo disagio stagionale, come descritto, è naturale e consiste soprattutto nel scegliere cibi caldi. Questo non significa mangiare cibi appena tolti dal fuoco quanto piuttosto mangiare cibi in grado di produrre energia che si tradurrà in calore ed in un innalzamento della temperatura corporea.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*