E' morto Geniale Olivieri: la memoria di Jesi conservata nella sua cine-videoteca

JESI – Oggi 24 agosto 2016 è venuto a mancare il cittadino benemerito Geniale Olivieri. Il funerale si terrà venerdì 26 agosto 2016 ore 10:00 chiesa di San Filippo, da giovedì mattina il Comune di Jesi apre la camera ardente presso palazzo dei convegni in Corso Matteotti.

Nato a Jesi il 1927, si è diplomato in ragioneria al Cuppari nel 1946, entra al Consorzio Agrario nel 1947 e successivamente alla Cassa di Risparmio di Jesi. Dal 1954 si dedica all’attività cine amatoriale, che lo porta nel corso degli anni a realizzare una cine-videoteca che viene dichiarata nel 1994 di notevole intesse storico dalla sovrintendenza archivistica per le marche. Il 26 gennaio del 1996 gli viene conferita la cittadinanza benemerita dal comune di Jesi.

A dare notizia della dipartita di Geniale, Carla Saveri e Maurizio Paradisi, autori del progetto e documentario”Jesi Gèniale”, presentato il 6 giugno 2016 in collaborazione con il Comune di Jesi, il Circolo Cittadino e la Fondazione Pergolesi Spontini. Il documentario ha ripercorso i momenti più importanti della sua vita documentaristica, attraverso la sua testimonianza diretta, in una serata al teatro Pergolesi che ha visto l’affluenza di tutta la città, risposta della profonda stima verso Geniale dai stessi concittadini. È stata un esperienza indimenticabile, poter ascoltare direttamente dalla sua voce, informazioni, racconti, notizie ci hanno fatto comprendere la sua profonda passione e amore per l’immortalità della storia attraverso immagini visive.

“Uno dei suoi desideri era che tutto quanto da lui orgogliosamente prodotto, potesse sopravvivergli – commentano la triste notizia Saveri e Paradisi –  Ogni momento trascorso ascoltandolo anche in questi ultimi giorni della sua vita ci hanno arricchito e resi consapevoli delle trasformazioni culturali, politiche e sociali della nostra straordinaria città. In quei momenti abbiamo capito il suo intento, che lui stesso ci ripeteva continuamente : “Chi viene ricordato non morirà mai”. Ci ha lasciato talmente tanto materiale che Jesi non potrà permettersi di non ricordarlo”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*