E' morto Mons. Anselmo Rossetti. Il Vescovo: "Era un maestro di spirito saggio ed illuminato"

JESI – Mons. Anselmo Rossetti ha concluso la sua vita, nella sua casa in vicolo delle Terme a Jesi, nel pomeriggio del 26 ottobre alle 16. Il Vescovo mons. Gerardo Rocconi e i confratelli sacerdoti lo ricordano con affetto a quanti lo hanno conosciuto e lo affidano alla Misericordia del Signore.

Mons. Rossetti era stato festeggiato per il suo 70° anniversario di ordinazione sacerdotale nella giornata del patrono San Settimio ed aveva lasciato, per l’occasione, la Casa Famiglia Collegio Pergolesi. Ha trascorso alcuni giorni in ospedale fino al pomeriggio del 25 ottobre quando è potuto ritornare nella sua casa, come aveva desiderato.

Nato il 24 gennaio 1922, ordinato a poco più di 24 anni, don Anselmo ha svolto il suo ministero  inizialmente a Montecarotto. Poi è stato Rettore del Seminario, quindi ha ripreso il suo servizio pastorale come parroco, prima a Santa Maria Nuova, poi a Moie e infine a San Paolo di Jesi.  Dal 1982 è cancelliere vescovile: incarico che ha svolto fino all’ultimo momento con lucidità, scrupolosità, delicatezza.

« La mia conoscenza di lui risale a dieci anni fa. Ma sono più che sufficienti per dire con che spirito don Anselmo ha vissuto il suo sacerdozio: uomo di preghiera, era sempre disponibile in duomo per accogliere i penitenti che chiedevano di confessarsi (era canonico penitenziere). La sua discrezione unita alla profonda spiritualità ne facevano un maestro di spirito saggio e illuminato: non per niente anche tanti sacerdoti lo avevano come punto di riferimento.

Non credo che sia opportuno soffermarci ancora su cose così personali: ma credo che i 70 anni di sacerdozio di don Anselmo vadano sottolineati ricordando quanto è stato prezioso per la nostra diocesi. E questo è un modo semplice, modesto, per dirgli il nostro Grazie»: dagli auguri del vescovo Gerardo per il 70° anniversario di ordinazione celebrato il 22 settembre scorso in cattedrale.

Nelle foto: don Anselmo Rossetti nell’Ufficio della Cancelleria diocesana lo scorso 17 marzo; don Anselmo tra i confratelli sacerdoti il 22 settembre scorso

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*