È nata la Fondazione Succisa Virescit

CORINALDONasce a Corinaldo la Fondazione «Succisa Virescit – Maria Baldassarri»

Tra i fondatori, l’imprenditore jesino Sandro Paradisi, insieme a Tonino e Nicola Dominici, Tiziana Minelli, Giuliano e Luca De Minicis, Eros Gregorini, Anna Minelli, Daniele Baldassarri, Giordano Cantori, Giovanni Rocchetti, Cesare Tomassetti, Michela Sopranzi e Rita Bucchi. Alla presidenza della Fondazione è stato designato il Prof. Fabio Ciceroni.

Durante la cerimonia, svoltasi il 14 dicembre, è stato presentato il logo istituzionale della Fondazione: un tronco d’albero che reciso torna a crescere, con due tralci che evocano un abbraccio e infrangono il perimetro che tenta di delimitarli.

La Fondazione è il naturale compimento di una serie di iniziative solidaristiche, sociali e culturali condivise e promosse da alcuni anni dal gruppo costituente, nella regione Marche a favore di varie associazioni che operano meritoriamente in Italia e all’estero.

L’ente è apartitico, aconfessionale e senza scopo di lucro: persegue esclusivamente finalità civiche, solidaristiche, di utilità sociale e di promozione dello sviluppo economico, favorendo la diffusione della cultura d’impresa responsabile e sostenibile, agevolando l’armoniosa crescita di territorio, comunità e ambiente. La Fondazione incoraggia, sostiene e realizza iniziative che mirano a favorire il pieno sviluppo della persona nelle sue espressioni, in ambito economico, sociale, artistico e scientifico, valorizzando e promuovendo la cultura della solidarietà e della responsabilità sociale e sviluppando la pratica del dono. La Fondazione riconosce il valore centrale del lavoro, dell’inventiva e della creatività ed intende sostenere attività di ricerca, studio e divulgazione delle buone pratiche aziendali ed umane che si basino su un utilizzo etico e sostenibile delle risorse naturali del pianeta e sul rispetto dei diritti fondamentali dell’uomo.

Per la realizzazione degli scopi la Fondazione si propone di svolgere in via esclusiva o principale le seguenti attività di interesse generale:

–  organizzazione e gestione di attività culturali, artistiche o ricreative di interesse sociale, incluse attività, anche editoriali, di promozione e diffusione della cultura e della pratica del volontariato;

–  ricerca scientifica di particolare interesse sociale;

–  educazione, istruzione e formazione professionale ed attività culturali di interesse sociale con finalità educativa;

–  tutela e valorizzazione del patrimonio culturale e del paesaggio;

–  interventi e servizi finalizzati alla salvaguardia e al miglioramento delle condizioni dell’ambiente e all’utilizzazione accorta e razionale delle risorse naturali (con esclusione dell’attività di raccolta e riciclaggio di rifiuti);

–  beneficenza a sostegno di soggetti svantaggiati o comunque con difficoltà economiche o fisiche o disabilità o a sostegno di attività di interesse generale, sia attraverso erogazione di denaro, sia tramite cessione gratuita di beni o prestazione di servizi;

–  promozione della cultura della legalità, della pace tra i popoli, della nonviolenza e della difesa non armata;

–  promozione della tutela dei diritti umani, civili, sociali e politici, nonché dei diritti dei consumatori e degli utenti delle attività di interesse generale, promozione delle pari opportunità e delle iniziative di aiuto reciproco, incluse le banche del tempo e i gruppi di acquisto solidale.

Tutti i fondatori hanno espresso grande soddisfazione per la costituzione della Fondazione che, già dall’inizio del 2020, ha progetti da sviluppare sul territorio, con grande responsabilità e ampia visione sociale e culturale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.