É polemica su iniziative delle Feste, Giampaoletti: «Un solo protagonista, tante domande» | Password Magazine

É polemica su iniziative delle Feste, Giampaoletti: «Un solo protagonista, tante domande»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Iniziative di Natale e Capodanno, dubbi e perplessità arrivano dal consigliere comunale del Gruppo Misto Marco Giampaoletti: «Il periodo di festività appena trascorso è stato segnato dalle restrizioni dovute all’emergenza sanitaria ma in tutta Italia non sono mancate iniziative, soprattutto online, di vario genere per regalare un momento di spensieratezza alle persone che sono state costrette a rimanere a casa gran parte del tempo – si legge in una nota stampa -. Ho notato, delibera alla mano, due attività finanziate in maniera importante direttamente dal
comune: la Disfida di San Silvestro e il Sound and Culture Tour. Senza voler dare un giudizio sugli eventi, mi interessava capire, in mancanza di un bando o di una domanda aperta rivolta a privati e associazioni, come si fosse giunti a questa decisione».

Precisa il consigliere: «Se poco o nulla c’è da dire per il primo appuntamento, finanziato con 2mila euro, che andava a sostituire la festa in piazza, che coinvolgeva circa 40 artisti del territorio ed ha raggiunto oltre 17 mila visualizzazioni sui social, sono molto perplesso sul secondo».

Nel dettaglio, spiega: «L’iniziativa del 1 gennaio, presentata un po’ in sordina e immediatamente dimenticata in città, ha visto due DJ suonare da soli dentro Palazzo Pianetti in diretta social raggiungendo, dopo giorni, appena 2 mila visualizzazioni. Il tutto per un contributo pari a 4’950€ + IVA versati alla T-Lize Production.

Sempre dalle delibere si può vedere un altro contributo diretto versato questa volta alla Pro Loco di Jesi che, condivisioni social alla mano, sembra fosse coinvolta già con alcuni suoi esponenti almeno anche nella promozione dell’evento del 1 gennaio, pari a 2’434€ + IVA. Questo ennesimo, corposo contributo avrebbe lo scopo di far realizzare una non meglio precisata campagna promozionale del Polo Museale, in primis lo stesso Palazzo Pianetti.

Non è mia intenzione, di nuovo, esprimere un giudizio ma innegabilmente ora le domande si moltiplicano. Perché non fare un bando? Un concorso d’idee? Perché ingaggiare un’associazione di volontariato e non professionisti del settore, sicuramente più esperti ed indicati per questo tipo di lavori? Scegliere l’associazione il cui Presidente risulta essere condomino stesso dell’immobile da promuovere, non potrebbe far nascere il dubbio sull’esistenza di un conflitto d’interessi?

Per completezza, la stessa Pro Loco era stata coinvolta anche in “Illustri Natali” l’altra attività di queste feste messa in piedi dal comune (dove Palazzo Pianetti era sempre tra i protagonisti) ed aveva ricevuto già un ulteriore contributo (da un bando questa volta) di 500€ per una caccia al tesoro fotografica collegata.

In un Natale di restrizioni anche economiche da parte dell’amministrazione mi sembra più che legittimo porre certe domande, soprattutto davanti all’assenza di iniziative semplici e poco costose come una filodiffusione musicale in centro (la quale risulta richiesta da più parti) che avrebbe potuto con pochi euro donare un pizzico in più di atmosfera ai purtroppo pochi clienti dei vari negozi in forte difficoltà ai quali va tutta la mia solidarietà».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.