E' possibile estromettere un familiare dall'eredità? L'Avvocato Risponde

 

L’AVVOCATO RISPONDE/a cura Avv. Monica Checchini

Questa volta ci occupiamo di “diseredazione“: alcuni lettori avrebbero infatti espresso la propria volontà di lasciare tutto al coniuge e, comunque, non lasciare nulla ai propri figli.

Devo però subito precisare che, pur esistendo la “clausola di diseredazione” (nella propria disposizione testamentaria si può infatti non solo includere qualcuno, ma escludere altri), la stessa non può riguardare alcuni parenti più prossimi (detti eredi legittimari) tra cui vi sono proprio i figli (così come il coniuge e gli ascendenti e, cioè, genitori, nonni e bisnonni se ancora in vita) che hanno sempre diritto di beneficiare della quota a essi riservata dalla legge.

Nel testamento, il testatore può quindi disporre solo della parte del suo patrimonio che eccede tale quota e che possiamo sintetizzare come segue:

Al coniuge superstite (anche se separato, ma purché non ancora divorziato e/o comunque, purché non gli sia stato addebitato il fallimento del matrimonio da parte del Tribunale) è riservata la metà del patrimonio che si riduce a 1/3 se oltre al coniuge vi è anche un figlio e a ¼ se invece ci sono più figli.

In tali casi la cosiddetta “quota disponibile” (che il testatore può quindi destinare a chi vuole) sarà rispettivamente di ½, di 1/3 e di ¼ del patrimonio. Va inoltre considerato che il coniuge superstite ha in ogni caso il diritto di abitazione sulla casa destinata a residenza di famiglia e il diritto di uso sui beni mobili in essa presenti.

Al figlio unico (o ai suoi discendenti) in assenza del coniuge del testatore, è riservata la metà del patrimonio, mentre se i figli sono più di uno hanno diritto ai 2/3 da dividere in parti uguali. In tale caso la cosiddetta “quota disponibile” (che il testatore può quindi destinare a chi vuole) sarà rispettivamente di ½ e di 1/3 del patrimonio

Agli ascendenti (genitori, nonni, bisnonni) è riservato (ma solo se non ci sono figli del de cuius, cioè del defunto) 1/3 del patrimonio oppure 1/4 se vi è anche il coniuge superstite; in tale caso la cosiddetta “quota disponibile” (che il testatore può quindi destinare a chi vuole) è rispettivamente di 2/3 e ¼ del patrimonio

Chi può essere “diseredato”?

Gli unici eredi legittimi che possono quindi essere diseredati legittimamente sono i fratelli, tutti i loro discendenti (nipoti del testatore) e gli altri parenti che non ricadono nelle suddette categorie. Basterà semplicemente scrivere nel testamento che tali soggetti vengono esclusi dalla successione (in tal modo costoro non riceveranno alcunché e l’eredità andrà agli altri eredi). Basterà scrivere nel testamento: “Escludo dalla mia successione mio fratello Tizio” oppure “Diseredo mia sorella Caia”. Al contrario, frasi come queste non possono essere rivolte nei confronti di coniuge, figli, ascendenti (genitori, nonni).

Unici casi in cui si può diseredare per “indegnità”.
Vi sono tuttavia alcuni casi specifici a fronte dei quali, per la loro gravità, è sempre consentito diseredare anche il coniuge, i figli o gli ascendenti.
A tal fine non è però ovviamente sufficiente la semplice affermazione contenuta nel testamento (come visto per i fratelli e gli altri parenti), ma è necessaria una sentenza del Giudice che accerti una delle seguenti cause di indegnità:

– se l’erede ha ucciso o tentato di uccidere la persona della cui eredità si tratta (si pensi la moglie che tenti di avvelenare il marito al solo scopo di diventare erede)

– se l’erede ha favorito il suicidio della persona se questa era minorenne oppure inferma di mente o incapace per abuso di sostanze alcoliche o stupefacenti;

– se l’erede ha indotto la persona, con dolo o violenza, a fare un testamento in suo favore, oppure ha alterato il testamento già esistente o addirittura ne ha compilato di suo pugno uno falso.

L’indegno, tuttavia può essere riabilitato (cioè perdonato) dalla persona della cui eredità si tratta, ma ciò deve avvenire davanti al notaio o nello stesso testamento.

Per la modulistica e per maggiori informazioni e/o chiarimenti è possibile contattare il sottoscritto

Avv. Monica Checchini (333 9923708) inviando una mail a studiochecchini@libero.it o collegandosi al sito dello Studio Legale www.studiolegalechecchini.it.

6 Commenti su E' possibile estromettere un familiare dall'eredità? L'Avvocato Risponde

  1. Mio figlio, morendo, ha lasciato un testamento (regolarmente registrato dal notaio) nel quale ha nominato erede universale la propria moglie. Recentemente la vedova ha presentato denuncia di successione, soltanto col suo numinativo, estronettendo quindi lo scrivente dalla quota di diritto (1/4). Prego indicarmi quali eventuali azioni intraprendere. Grato

  2. pensavo di evitare di lasciare ai fratelli essendo celibe senza figli in questo caso potrei lasciare tutto ai genitori se ancora viventi?altrimenti che si puo` fare se non ci sono piu i genitori per evitare di lasciare ai fratelli?

  3. Ho una figlia gravemente handicappata, attualmente ricoverata in struttura protetta da anni e separata; io mi sono presa carico fin dalla nascita di due sue figlie alle quali vorrei lasciare la mia metà di casa in comproprietà con mio marito. Posso intestare la mia metà di abitazione alle sole nipoti?

  4. salve mio padre ha venduto 1 casa a mio fratello 1 casa a sua moglie 1 a mia sorella per non lasciare niente a me come posso agire mio padre e ancora vivo grazie per una risposta

    • è valido un testamento olografo dove una donna lascia i suoi beni al marito escludendo dal testamento i figli minori ? Il notaio publicando
      l’atto ha rispettato le norme del codice civile ? non è che il testamento sia falsificato ? grazie della risposta.Giuseppe

  5. un mio amico spettante di una grande eredità molto malato, con una bambina di 4 anni morta una settimana fa dopo anni di malattia abbandonati dalla rispettivamente moglie e madre da circa 4 anni e mai rivisti anche dopo richiesta dei medici … spetta l eredità < causa della discordia< grazie della risposta.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*