E' possibile estromettere un familiare dall'eredità? L'Avvocato Risponde | | Password Magazine

E' possibile estromettere un familiare dall'eredità? L'Avvocato Risponde

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

 

L’AVVOCATO RISPONDE/a cura Avv. Monica Checchini

Questa volta ci occupiamo di “diseredazione“: alcuni lettori avrebbero infatti espresso la propria volontà di lasciare tutto al coniuge e, comunque, non lasciare nulla ai propri figli.

Devo però subito precisare che, pur esistendo la “clausola di diseredazione” (nella propria disposizione testamentaria si può infatti non solo includere qualcuno, ma escludere altri), la stessa non può riguardare alcuni parenti più prossimi (detti eredi legittimari) tra cui vi sono proprio i figli (così come il coniuge e gli ascendenti e, cioè, genitori, nonni e bisnonni se ancora in vita) che hanno sempre diritto di beneficiare della quota a essi riservata dalla legge.

Nel testamento, il testatore può quindi disporre solo della parte del suo patrimonio che eccede tale quota e che possiamo sintetizzare come segue:

Al coniuge superstite (anche se separato, ma purché non ancora divorziato e/o comunque, purché non gli sia stato addebitato il fallimento del matrimonio da parte del Tribunale) è riservata la metà del patrimonio che si riduce a 1/3 se oltre al coniuge vi è anche un figlio e a ¼ se invece ci sono più figli.

In tali casi la cosiddetta “quota disponibile” (che il testatore può quindi destinare a chi vuole) sarà rispettivamente di ½, di 1/3 e di ¼ del patrimonio. Va inoltre considerato che il coniuge superstite ha in ogni caso il diritto di abitazione sulla casa destinata a residenza di famiglia e il diritto di uso sui beni mobili in essa presenti.

Al figlio unico (o ai suoi discendenti) in assenza del coniuge del testatore, è riservata la metà del patrimonio, mentre se i figli sono più di uno hanno diritto ai 2/3 da dividere in parti uguali. In tale caso la cosiddetta “quota disponibile” (che il testatore può quindi destinare a chi vuole) sarà rispettivamente di ½ e di 1/3 del patrimonio

Agli ascendenti (genitori, nonni, bisnonni) è riservato (ma solo se non ci sono figli del de cuius, cioè del defunto) 1/3 del patrimonio oppure 1/4 se vi è anche il coniuge superstite; in tale caso la cosiddetta “quota disponibile” (che il testatore può quindi destinare a chi vuole) è rispettivamente di 2/3 e ¼ del patrimonio

Chi può essere “diseredato”?

Gli unici eredi legittimi che possono quindi essere diseredati legittimamente sono i fratelli, tutti i loro discendenti (nipoti del testatore) e gli altri parenti che non ricadono nelle suddette categorie. Basterà semplicemente scrivere nel testamento che tali soggetti vengono esclusi dalla successione (in tal modo costoro non riceveranno alcunché e l’eredità andrà agli altri eredi). Basterà scrivere nel testamento: “Escludo dalla mia successione mio fratello Tizio” oppure “Diseredo mia sorella Caia”. Al contrario, frasi come queste non possono essere rivolte nei confronti di coniuge, figli, ascendenti (genitori, nonni).

Unici casi in cui si può diseredare per “indegnità”.
Vi sono tuttavia alcuni casi specifici a fronte dei quali, per la loro gravità, è sempre consentito diseredare anche il coniuge, i figli o gli ascendenti.
A tal fine non è però ovviamente sufficiente la semplice affermazione contenuta nel testamento (come visto per i fratelli e gli altri parenti), ma è necessaria una sentenza del Giudice che accerti una delle seguenti cause di indegnità:

– se l’erede ha ucciso o tentato di uccidere la persona della cui eredità si tratta (si pensi la moglie che tenti di avvelenare il marito al solo scopo di diventare erede)

– se l’erede ha favorito il suicidio della persona se questa era minorenne oppure inferma di mente o incapace per abuso di sostanze alcoliche o stupefacenti;

– se l’erede ha indotto la persona, con dolo o violenza, a fare un testamento in suo favore, oppure ha alterato il testamento già esistente o addirittura ne ha compilato di suo pugno uno falso.

L’indegno, tuttavia può essere riabilitato (cioè perdonato) dalla persona della cui eredità si tratta, ma ciò deve avvenire davanti al notaio o nello stesso testamento.

Per la modulistica e per maggiori informazioni e/o chiarimenti è possibile contattare il sottoscritto

Avv. Monica Checchini (333 9923708) inviando una mail a studiochecchini@libero.it o collegandosi al sito dello Studio Legale www.studiolegalechecchini.it.

46 Commenti su E' possibile estromettere un familiare dall'eredità? L'Avvocato Risponde

  1. Mio figlio, morendo, ha lasciato un testamento (regolarmente registrato dal notaio) nel quale ha nominato erede universale la propria moglie. Recentemente la vedova ha presentato denuncia di successione, soltanto col suo numinativo, estronettendo quindi lo scrivente dalla quota di diritto (1/4). Prego indicarmi quali eventuali azioni intraprendere. Grato

  2. pensavo di evitare di lasciare ai fratelli essendo celibe senza figli in questo caso potrei lasciare tutto ai genitori se ancora viventi?altrimenti che si puo` fare se non ci sono piu i genitori per evitare di lasciare ai fratelli?

    • Vedova senza figli , senza padre e madre ,voglio escludere i miei quattro fratelli e i loro figli dalla successione alla mia morte e nominare mia erede universale di tutti i miei beni una mia amica carissima. Posso farlo firmando un testamento olografo e senza che nessuno possa contestarlo e impugnarlo?

      Mi può rispondere per favore? Grazie

        • Giuseppe, per curiosita’, e perche’ potrebbe interessare anche a me, l’avvocato ti ha mai risposto riguardo il fatto di lasciare tutto alla tua amica carissima?
          un saluto,
          Melody Fox (aka the Princess of Rock)
          LPM

      • Naturalmente si, gli unici che non si possono diseredare sono i legittimari (genitori, coniuge e figli) di cui i fratelli non fanno parte. Il testamento olografo DEVE essere completamente scritto di pugno, non deve essere stampato e firmato. Non serve scrivere “diseredo Tizio o Caio ….” basta scrivere in modo semplice e chiaro le proprie volontà. Se si è molto anziani, meglio allegare un certificato del proprio medico che certifica la piena capacità di agire.

  3. Ho una figlia gravemente handicappata, attualmente ricoverata in struttura protetta da anni e separata; io mi sono presa carico fin dalla nascita di due sue figlie alle quali vorrei lasciare la mia metà di casa in comproprietà con mio marito. Posso intestare la mia metà di abitazione alle sole nipoti?

  4. salve mio padre ha venduto 1 casa a mio fratello 1 casa a sua moglie 1 a mia sorella per non lasciare niente a me come posso agire mio padre e ancora vivo grazie per una risposta

    • è valido un testamento olografo dove una donna lascia i suoi beni al marito escludendo dal testamento i figli minori ? Il notaio publicando
      l’atto ha rispettato le norme del codice civile ? non è che il testamento sia falsificato ? grazie della risposta.Giuseppe

      • Devo dissentire dalla risposta al quesito resa dalla Signora Milena;
        il testamento è pienamente valido (e il Notaio ha il dovere di pubblicarlo ove rispetti tutti i requisiti previsti dalla legge)fatta salva la possibilità da parte dei legittimari di agire in riduzione.
        Ed infatti la “successione necessaria” ha funzione limitatrice e correttiva della volontà testamentaria, in quanto costituisce un argine al potere di disposizione mortis causa del testatore, ma non implica, di per se stessa, una investitura nella titolarità dei beni. Pertanto, il legittimario pretermesso non partecipa in nessun caso alla comunione ereditaria ed ha l’onere di agire in riduzione, se vuole conseguire i beni ad altri attribuiti nel testamento sia con istituzione di erede, sia con attribuzione di legati.
        Secondo i principi generali, prima dell’apertura della successione, agli eventuali successibili non spetta alcun diritto, né come pretesa sull’eredità, né come aspettativa giuridica.

    • Secondo i principi generali, prima dell’apertura della successione, agli eventuali successibili non spetta alcun diritto, né come pretesa sull’eredità, né come aspettativa giuridica.
      La possibilità di essere chiamato, in qualità di legittimario, alla successione mortis causa di altra persona ancora in vita non integra una situazione giuridica tutelabile in sé, né si risolve in una ragione di credito idonea a legittimare l’interferenza nella sfera giuridica dell’altro soggetto (nel caso, esercitando un suo diritto, ad esso surrogandosi ex art. 2900 c.c.).
      Per ciò stesso figli non vantano alcun diritto attuale sul patrimonio dei propri genitori, i quali, conformemente ai principi generali sull’autonomia privata, finché in vita sono liberi di disporre dei propri beni come ritengano più opportuno, con atti inter vivos e a causa di morte. Ne consegue che coloro i quali paventino una lesione alla propria quota di legittima potranno esperire tutti i rimedi loro attribuiti dall’ordinamento soltanto dopo l’apertura della successione del disponente “non potendo vantare antecedentemente alla morte del loro autore alcun diritto attuale sui beni dello stesso”.
      Tale principio peraltro sino a qualche anno fa ha trovato applicazione anche con riferimento alla legittimazione relativa all’azione di accertamento della simulazione di contratti potenzialmente lesivi dei diritto di quei soggetti che, a seguito della morte di uno dei contraenti e all’apertura della successione, avrebbero acquistato la qualifica di legittimari.
      A lungo l’orientamento dominante in seno alla giurisprudenza di legittimità era nel senso di negare in radice la possibilità di agire in tal senso, precisando che ai sensi dell’art. 1415, co. 2 i terzi possono fare valere la simulazione nei confronti delle parti solo qualora questa pregiudichi, in modo concreto e attuale, i loro diritti, condizione questa che, per le ragioni già esposte, non risulta integrata nel caso di specie, atteso che, come già detto, i figli non vantano diritti sul patrimonio del genitore prima della morte di quest’ultimo.
      Oggi tuttavia si deve dar conto della modifica introdotta all’art. 563 del cod. civ. dalla L. 80/2005 che vi ha aggiunto un quarto comma, in virtù del quale il coniuge o i parenti in linea retta del donante possono ottenere la sospensione del termine ventennale che determina la stabilizzazione dell’acquisto in capo al donatario e ai terzi ai quali il bene sia stato eventualmente trasferito – ai sensi del primo comma – attraverso la notificazione e la trascrizione , nei confronti del donatario e dei suoi aventi causa, di un atto stragiudiziale di opposizione alla donazione.

  5. un mio amico spettante di una grande eredità molto malato, con una bambina di 4 anni morta una settimana fa dopo anni di malattia abbandonati dalla rispettivamente moglie e madre da circa 4 anni e mai rivisti anche dopo richiesta dei medici … spetta l eredità < causa della discordia< grazie della risposta.

  6. Buongiorno…mia figlia mi manca di rispetto,non mi rivolge la parola,ha uaa bambina che fara un anno e che io ancora non l’ho vista,tutto ciò mi fa star male e lotto con la depressione grazie agli amici e il figlio maschio. Io lo cerco,ma suo marito non li permette ,e totalmente isolata.vorrei diseredare mia figlia e la sua famiglia ,mi distrugono moralmente la salute e mi vogliono morta(anche se non sono vecchia).Ultimamente ho problemi di salute,vorrei fare un testamento,loro non meritano nulla sono 12 anni in questa situazione,grazie 1000

    • In effetti, la Suprema Corte, nell’interessante pronuncia 25.05.2012, n. 8352 ha, in primis, ribadito la validità di una scheda testamentaria contenente solo la clausola di diseredazione ed, in secundis, ha specificato la validità di una diseredazione a favore degli eredi legittimi, non legittimari.
      L’art. 536 c.c. definisce i legittimari: “1. Le persone a favore delle quali la legge riserva (457 c.c., 549 c.c.) una quota di eredità o altri diritti nella successione sono: il coniuge, i figli legittimi, i figli naturali, gli ascendenti legittimi. 2. Ai figli legittimi sono equiparati i legittimati e gli adottivi. 3. A favore dei discendenti (77 c.c.) dei figli legittimi o naturali, i quali vengono alla successione in luogo di questi (467 c.c.), la legge riserva gli stessi diritti che sono riservati ai figli legittimi o naturali.”
      I legittimari, essendo titolari di una quota di patrimonio, non potrebbero quindi vedersi esclusi dalla successione per diseredazione.
      TUTTAVIA:
      autorevole dottrina, in un’analisi molto articolata, sostiene la validità di una clausola di diseredazione del legittimario in quanto il rimedio che dovrebbe esperire il legittimario pretermesso, sarebbe la medesima azione di riduzione prevista per le ipotesi di lesione o pretermissione.
      NE CONSEGUE CHE UN FIGLIO NON PUO’ ESSERE DISEREDATIO, MA POTREBBE ESSERE ESCLUSO DAL TESTAMENTO CON CONSEGUENTE ONERE DEL FIGLIO STESSO DI IMPUGNARLO E, COMUNQUE, AGIRE GIUDIZIALMENTE IN RIDUZIONE.
      PER OTTENERE QUANTO GLI SPETTEREBBE PER LEGGE IL FIGLIO IN TAL CASO DOVREBBE PERTANTO INTRAPRENDERE UN’AZIONE GIUDIZIARIA, MA FINTANTO CHE QUESTA NON SARA’ DEFINITA, NON POTRA’ DIRSI EREDE, MENTRE, AL CONTRARIO, IL BENEFICIARIO DEL TESTAMENTO POTRA’ AGIRE IN TALE VESTE E COMPIERE (SALVO NEL FRATTEMPO NON INTERVENGANO PROVVEDIMENTI CAUTELATIVI, PERALTRO TRASCRITTI PER CIO’ CHE ATTIENE GLI IMMOBILI)TUTTI GLI ATTI DI DISPOSIZIONE CHE RITERRA’ OPPORTUNI (fatte salve le eventuali successive azioni per rientrare nel possesso dei beni)

  7. 1) Maria senza figli ha una sorella Carlotta con due figli, può Maria lasciare
    tutti i suoi beni alla sorella Carlotta;
    2) Maria senza figli ha una sorella Carlotta con due due figli, può Maria lasciare
    tutti i suoi beni ad un solo figlio della Carlotta;

  8. salve circa un anno fà è deceduto mio padre ora dovremmo fare la successione di morte quali documenti nostri servono e scusa la mia disinformazione che sarebbe la successione di morte

  9. salve mio marito e morto ero sposata in comunione dei beni,devo vendere la casa ,ma un figlio non mi da il benestare.Volevo sapere se c’è un modo per poter vendere anche senza il suo consenso ,Grazie Angela

      • Gent.ma Signora Milena, La ringrazio di essere così “solerte” nelle risposte date ai quesiti sottoposti dalle lettrici (e faccio un mea culpa per non aver tempo di rispondere a tutti ricevendo anche quesiti telefonici e via mail), ma gradirei che si astenesse (quanto meno dallo scrivere risposte secche che vengono interpretate come assenza di alternative e generano soltanto confusione e ulteriore ansia in chi rivolge i quesiti) avendo ampliamente dimostrato di non essere adeguatamente preparata sulla materia.
        Rischia di far più danni che altro.
        La ringrazio per l’attenzione.
        Avv. Monica Checchini

  10. Buongiorno Milena, tra poco sposerò un uomo che ha già una figlia. Sta comprando casa e non vuole fare il mutuo insieme a me perchè dice che in questo modo alla sua morte l’unica erede e proprietaria della casa sarà la figlia.
    Poichè ci sposeremo in regime di separazione dei beni è vera questa cosa? In caso di suo decesso a me non spetterebbe nulla e dovrei andare via dalla casa?

    • Cara Giusy, mi permetto di rispondere personalmente poiché il Tuo caso è similare a quello pervenutomi in decide di mail e telefonate.
      Puoi stare tranquilla !!!!
      Il regime di “separazione dei beni” scelto all’atto del matrimonio non incide sul diritto all’eredità (salvo che prima dell’eventuale premorienza dell’altro coniuge ci si sia divorziati), bensì soltanto sulla eventuale disciplina della divisione dei beni nell’ambito di un processo per separazione e/o divorzio (oltre che, ovviamente, per ciò che attiene i diritti dei creditori dell’uno o dell’altro coniuge).
      Certo è che, ove Tuo marito dovesse purtroppo venire a mancare e in quale momento foste ancora sposati, Tu subentreresti nella di lui eredità (come se aveste optato per la comunione dei beni)in proporzione della quota a te spettante a seconda che vi sia o meno testamento.
      Peraltro, in qualità di moglie / coniuge superstite, a prescindere dalla presenza dell’altra erede, avresti sempre e comunque il diritto di abitazione della casa coniugale e di usare i mobili in essa contenuti.
      Spero di averti tranquillizzata (come tutte coloro cui non sono riuscita ad inviare la mail di risposta).

      • buongiorno avvocato
        posso porre un paio di domande
        mio padre e deceduto e separato da mia madre separazione con colpa nei confronti di mio padre passava glia alimenti aveva un conto corrente intestato solo a lui con delega la nipote nel conto avevo calcolato una cifra di circa 250.000 euro ho scoperto nel conto ci sono malapena
        3.000 euro ho chiesto alla banca la richiesta estratti conto degli ultimi 5 anni la mia domanda oltre a fare la denuncia contro mia cugina ci sono possibilità di rintracciare tutto
        grazie mille

  11. Salve sono Carmelo P. ed è con molto onore che mi Rivolgo Lei;la mia domanda è questa :ho circa 42 anni, ho una figlia alla quale il tribunale dei minori di Lecce ha assegnato il mio cognome come suo secondo dopo quello della madre, (in quanto mi è stato concesso di riconoscerla, per negazione della madre, dopo 5 anni dalla nascita), chiarisco che la piccola ha mai avuto il mio stesso indirizzo, non c’è legame affettivo che ci unisce e vorrei sapere se, dovessi io scrivere un testamento in duplice copia, depositandone una c/o un conoscente e l’altra Conservandola in casa, scrivendo e specificando che è e sono mie volontà l’escluderla da ogni mio avere, sia mobile che immobile oda qualsiasi altro mio avere anche se a mia volta ricevuto in eredità?
    Tutto ciò, avrebbe validità?
    Gratitudine Lei.

  12. Salve mio zio è deceduto non a figli a lasciato testamento che lascia tutto alla moglie ora lei è deceduta dopo 4anni i dal marito e a fatto testamento lasciandomi unico erede universale i miei si possono impugnare il testamento del fratello

  13. Salve mio zio è deceduto non a figli a lasciato testamento che lascia tutto alla moglie ora lei è deceduta dopo 4anni i dal marito e a fatto testamento lasciandomi unico erede universale i miei zi possono impugnare il testamento del fratello

  14. Salve espongo la mia situazione: separazione giudiziale in corso, 2 figli minori. Il tribunale ha disposto l’affidamento dei figli a entrambi cn collocazione presso la madre nella casa coniugale. La casa appartiene al mio non ancora ex-marito avuta cn atto di donazione dai suoi genitori. La domanda è questa: eventuali figli illegittimi di lui potrebbero entrare nel patrimonio di lui e nello specifico cosa posso fare a tutela dei miei figli x non far entrare altri nella proprietà della casa che spetta di diritto ai nostri figli? GRAZIE

  15. Buongiorno, vorrei sottoporre il seguente caso di genitori con 2 figli: un genitore dona ad un figlio un immobile (coniuge ed altro figlio dichiarano x iscritto di accettare e non impugnare l’atto) mentre l’altro genitore lascia nel testamento un altro immobile all’altro figlio (analogamente il coniuge e l’altro figlio accettano e si astengono dall’impugnare l’atto). Le rinucie fatte in questo caso sono valide o possono essere ritrattate in sede di successione? Grazie

  16. Buongiorno Dottoressa Checchini,
    Vorrei PorLe una domanda che io e mia moglie ci stiamo chiedendo da anni:
    Siamo sposati in divisione di beni e non abbiamo figli….
    è ovvio che con i sacrifici del nostro lavoro siamo riusciti a metterci un piccolo capitale in un conto corrente cointestato privandoci di vacanze, acquisti gioielli, auto di lusso…eccc e vorremmo capire se entrambi potremmo fare testamento nominandoci eredi esclusivi in caso di morte di uno di noi..
    Non so se ho reso l’idea…non vorremmo che se a morire fossi prima io, i miei genitori o/e le mie sorelle potessero vantare del 50% di eredita’ …
    Questo perché entrambi ci vogliamo assicurare una vita da vedovi e soli in tranquillita’…e ripeto facendo sacrifici enormi…
    Oppure se ci sarebbe (sempre in regolare prassi secondo la legge) qualche consiglio per noi…
    Grazie Mille e buon lavoro

  17. Buongiorno Dottoressa Checchini,
    Vorrei PorLe una domanda che io e mia moglie ci stiamo chiedendo da anni:
    Siamo sposati in divisione di beni e non abbiamo figli….
    è ovvio che con i sacrifici del nostro lavoro siamo riusciti a metterci un piccolo capitale in un conto corrente cointestato privandoci di vacanze, acquisti gioielli, auto di lusso…eccc e vorremmo capire se entrambi potremmo fare testamento nominandoci eredi esclusivi in caso di morte di uno di noi..
    Non so se ho reso l’idea…non vorremmo che se a morire fossi prima io, i miei genitori o/e le mie sorelle potessero vantare del 50% di eredita’ …
    Questo perché entrambi ci vogliamo assicurare una vita da vedovi e soli in tranquillita’…e ripeto facendo sacrifici enormi…
    Oppure se ci sarebbe (sempre in regolare prassi secondo la legge) qualche consiglio per noi…
    Grazie Mille e buon lavoro

  18. Buona sera dottoressa…vorrei porle una domanda riguardo una eredita….le mie zie chiedono se mio zio(cioe’il loro fratello) che non ha né moglie ne figli e neanche i genitori ancora in vita,possa,alla sua morte lasciare tutto(tramite un testamento scritto ma non registrato)alla signora che ora si occupa di lui…grazie!!!

  19. Salve Dottoressa,ho due figliuno non mi ha mai dato problemi di nessun tipo ,obbediente rispettoso premuroso ,un figlio che tuuti vorrebbero avere,laltro ci ha dato problemi da sempre il primo figlio quello che dovrebbe aiutarti e capirti più di altri.invece da letà di 15 anni ha cominciato a mettersi nei casini con la legge e noi è da allora che lo tiriamo fuori,abbiamo speso un sacco di soldi per lui,ma non solo gli diamo da mangiare gia da 10 anni anche a sua moglie e un figliolo lui ci maltratta,parolaccie e avvolte arriviamo anche alle mani.Io però vorrei lasciare la sua parte di eredità a suo figlio quando sarà maggiorenne,il bambino oggi minorenne ci adora e non sarà sicuramente come lui.E possibile dare al figlio la sua parte?.Crdiali saluti

  20. Buon giorno dottoressa. Io sono divorziato. E ai miei due figli non ho mai fatto mancare nulla.. ma ahimè mia figlia e andata via di casa senza un motivo e non ho più sue notizie da diversi anni. Mentre mio figlio e in casa ma con un comportamento pessimo nei miei confronti.. ho una carissima amica che due volte al mese viene per accudirmi . Perché ho problemi seri di salute. E viene addirittura dalla Polonia.. io vorrei lasciare tutto a questa ragazza per benemerenza. Questo e possibile?

  21. Buongiorno Avvocato,
    sono sposata in regime di comunione dei beni ed ho un figlio. Sono comproprietaria al 50% con mio fratello della casa in cui abito.
    All’atto della mia morte, vorrei che la proprietà passasse a mio figlio, escludendo mio marito. E’ possibile?
    In caso affermativo, può bastare un testamento olografo?
    Grazie per la risposta

    • Anche io sarei interessata ad avere una risposta a questa domanda.
      Si può escludere dal testamento olografo il marito, da cui si sta avviando una separazione ancora non legale?
      Il matrimonio è avvenuto in regime di separazione dei beni

  22. Salve avvocatessa mi chiamo francesco ho 42 anni le rivolgo un dubbio sulla successione allora le spiego il mio problema,ho perso mio padre all eta di 22 anni x un tumore e mia madre tramite la sua banca di fiducia pago la successione e poi ne fece tramite notaio un testamento dove lei dice ke a sua morte di mia madre ha diviso in 2 parti uguali l immobile che adesso abitiamo e che mia nonna ha lasciato tramite testamento a mia madre,io oggi ho parlato ma senza risposta mi ha detto,al notaio ce il testamento la quota della casa e divisa tra me e mia sorella intendiamo ke mia sorella e sposata ha 2 figli e abita tt altra parte,questa mancata risposta incompleta di mia madre mi porta ke a morte sua possa aver dato una quota maggiore a mia sorella e una minima a me mia madre mi dice tua sorella acconsentira ke la casa ci rimani tu io sn single,ma cm io so mia sorella dovrebbe pagarmi la sua quota a me x farmi rimanere e ribadendo ke lei e sposata cn un ricco contadino e tirchio difficilmente potra succeder cio alcuni amici e un ex ispettore di polizia amico a me mi ha fatto notare di star attento sia a mio cognato,mia sorella e mia madre ke cn i suoi silenzi mi nasconde qualcosa ke lo sapro a sua morte come mi devo comportare ho paura ke mia sorella dopo la perdita di mia madre possa impormi di farmi pagare un affitto,gettarmi fuori?o altro,si immagini ke io con mia madre avevamo un conto corrente cointestato ke da anni mi ha tolto e ha messo sua figlia come mi devo comportarmi,e ci sn azioni sospettose di mio cognato ke ha la piena padronanza di casa nostra quando sn invitati a casa xche mia madre lo acconsente anke do dormire nel mio letto,usare il pc ed altro

  23. Buongiorno avvocato ho una figlia che non mi considera ed io vorrei che alla mia morte tutto quello che mi appartiene resti a mio marito..da 5anni vivo a Tenerife abbiamo una casa in comproprietà con il marito e vorrei sapere cosa scrivere nel testamento olografo per far sì che mia figlia indegna possa avere SOLO quello che la legge stabilisce e nulla di più. La ringrazio cortesemente

  24. Buongiorno Avocato.
    Sono stata sposata con mio marito in comunione dei beni.Non abiamo avoto figli insieme ed in precedenza al nostro matrimonio mio defunto marito era celibe e senza figli.Prima della sua morte ha publicato un testamento olografo redatato di suo pugno e sigilato. Ho proveduto alla publicazione che ledeva la legitima dela madre ancora in vita. La mia suocera ha 96 anni e non è in grado di decidere da sola. Invece la mia cognata chiede il dirito della madre nonostante la madre e ipovedente ed analfabeta. La mia cognata mi ha mandato tramite un avvocato l’igiunzione di procedere ala succesione. Premetto che enon sono a conoscenza se la mia cognata ha la procura di rapresentare la madre come Amministratore di sostegno. Il mio conto corente cointestato al mio defunto marito è stato blocato come tutti gi altri beni cointestati o no. Mi riferisco solo ai beni material in assenza di beni immobili. Come mi devo comportare visto che in seguito ho scoperto che mio defunto marito ha dei debiti di circa 10.000 euro con due diverse enti. Non ho soldi per assumere un avvocato per cui mi rivolgo a Lei. La ringrazio in anticipo per La sua cortese risposta.

    • Gent.ma Signora,
      sinceramente la situazione è alquanto articolata e complessa, ma nel tentativo di aiutarLa cercherò di fornirle “linee guida” il più comprensibili possibile.
      Premettendo che non comprendo se era ancora sposata, separata o divorziata dal defunto marito (circostanza che cambierebbe notevolmente le cose poichè con il divorzio il vincolo matrimoniale viene definitivamente sciolto e con esso cessano tutti i diritti successori, quindi l’ex coniuge superstite non fa più parte dell’asse ereditario del defunto),
      dando per scontato che fosse felicemente coniugata all’epoca del decesso di suo marito,
      in assenza di figli,
      e in presenza di un ascendente (la madre del de cuius),
      Lei e la di lui madre sareste eredi legittimari (cioè soggetti ai quali è riconosciuto il diritto intangibile di percepire una quota, detta di legittima, dell’eredità (in assenza di testamento nella misura rispettivamente di 2/3 e 1/3).
      Tuttavia, avendo Suo marito redatto un testamento olografo da Lei regolarmente pubblicato, con cui viene escluso sostanzialmente chiunque altro dall’eredità, ad oggi unica chiamata all’eredità è Lei (l’altra erede – cioè la madre – è stata PRETERMESSA).
      La di lui madre pretermessa (e la sorella per essa) non può fare altro che agire giudizialmente per il riconoscimento di tale lesione, ma fintanto che non lo farà l’UNICA EREDE E’ LEI.
      La madre del de cuius potrà acquistare la qualità di erede soltanto dopo il positivo (cioè sentenza passata in giudicato) esercizio dell’azione di riduzione;
      ne consegue che, prima di questo momento, la madre del de cuius non vanta alcun diritto (non può chiedere la divisione ereditaria né la collazione dei beni, poiché entrambi questi diritti presuppongono l’assunzione della qualità di erede e l’attribuzione congiunta di un asse ereditario).
      DI FATTO LA MADRE AD OGGI (E FINCHE’ NON VI SARA’ UNA SENTENZA CHE TALE LA DICHIARERA’), NON E’ EREDE.
      Il legittimario pretermesso, infatti, è privo di una vocazione ereditaria, e pertanto gli è preclusa la possibilità di accettare l’eredità, in quanto l’unico modo di adizione della stessa è la sola proposizione dell’azione di riduzione, il cui positivo accoglimento determina l’acquisto della qualità di erede.
      LEI HA DIRITTO A VEDERSI SBLOCCARE I CONTI CORRENTI POICHE’ L’UNICA EREDE AD OGGI E’ LEI (e comunque, in quanto conto cointestato, aveva da subito, a prescindere, il diritto al prelievo del 50% già di sua proprietà).
      Quanto ai debiti che è emerso avere Suo marito, premettendo che le converrebbe fare gli estratti quanto meno presso agenzia delle entrate e agenzia delle entrate e riscossione (ex equitalia), deve tener presente che, una volta che entra in possesso di beni mobili o immobili del de cuius di fatto accetta l’eredità.
      Quindi, fermo restando il Suo indiscutibile 50% sul conto cointestato, soltanto lei può valutare l’opportunità di accettare o meno l’eredità.
      Ben potrebbe altrimenti ACCETTARE L’EREDITA’ CON BENEFICIO D’INVENTARIO (è un atto che consente all’erede di evitare di confondere il suo patrimonio con quello del defunto, in modo da accettare l’eredità senza rispondere di eventuali debiti del defunto, superiori al patrimonio ereditato) per cui non sarebbe necessario alcun avvocato ma si dovrebbe recare al Tribunale del luogo in cui è deceduto Suo marito (che individua il luogo in cui si è aperta la successione), sezione VOLONTARIA GIURISDIZIONE-UFFICIO SUCCESSIONI. Lì sapranno fornirle tutte le informazioni.
      La procedura prevede le seguenti spese:
      – versamento della somma di € 294 mediante Mod. F23;
      – marche da bollo (2 da 16 euro + 1 da 10,62 per la copia conforme da inviare all’Ufficio del territorio; le stesse per ogni ulteriore copia conforme che necessiti, ad esempio per l’erede).
      Se decidesse di accettare puramente e semplicemente l’eredità potrebbe recarsi presso la Banca con il certificato di atto notorio che dichiara ESCLUSIVAMENTE LEI COME CHIAMATA ALL’EREDITA’ e un certificato (o autocertificazione di morte).
      Quanto alla pretesa ingiunzione dell’avvocato “di procedere alla successione, presupponendo che Le sia stato illegittimamente intimato di effetuare la DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE, Le comunico che anche al riguardo non solo la signora madre non ha alcun diritto, ma Lei non ha il dovere di effettuare alcuna dichiarazione in quanto coniuge, non essendo l’asse ereditario superiore ad € 100.000,00 e, soprattutto, non essendovi immobili.
      Ed infatti, a tal proposito l’art. 28 del D.lgs. 346/1990, cd. Testo unico sull’imposta di successioni, stabilisce che “Non vi è obbligo di dichiarazione se l’eredità è devoluta al coniuge e ai parenti in linea retta del defunto e l’attivo ereditario ha un valore non superiore a euro centomila e non comprende beni immobili o diritti reali immobiliari, salvo che per effetto di sopravvenienze ereditarie queste condizioni vengano a mancare“.
      Innumerevoli sarebbero ancora le puntualizzazioni da fare, ma spero di averLe fornito un quadro (seppur sommario) della questione.
      Tenga peraltro presente che Lei (essendoLe arrivata una ingiunzione da un Avvocato circa la questione ereditaria) e non possedendo a quanto ho capito reddito, potrebbe provare a fare in Tribunale richiesta di AMMISSIONE AL GRATUITO PATROCINIO (per i cui requisiti e disciplina rinvio ad altro mio precedente articolo.
      Le auguro di risolvere ogni problema.
      Distinti saluti.
      Avv. Monica Checchini

  25. Grazie infinite Avvocato Checchini per aver risposto prontamente alla mia mail di un anno fa,dicendomi nel dettaglio cosa fare.
    Probabilmente lei non si ricorderà di me e dei miei problemi, ma grazie a lei venerdi ho risolto ogni questione.
    Grazie ancora

  26. Buona sera avvocato. se una zia senza figli non ha buoni rapporti con suo fratello e vuole escluderlo dall’eredità , fa quindi testamento scrivendo soltanto che nomina il coniuge erede universale, può la nipote invalidare il testamento perché non è chiara la volontà del testatore (fu sempre in ottimi rapporti con la nipote) e subentrare per rappresentazione al fratello della zia pre morto essendo il rappresentato suo padre? È discriminante la data del testamento anteriore o posteriore alla premorienza del fratello? In sostanza La zia doveva scrivere frasi specifiche nel testamento per escludere anche una rappresentazione della nipote ? come si capisce la chiara volontà della stessa di togliere di mezzo soltanto il fratello ma senza volere espressamente per questo diseredare la nipote? Può la nipote difendersi o viene in ogni caso diseredata implicitamente? Grazie.

  27. Buonasera Avvocato mia suocera vorrebbe fare testamento lasciare la casa ai tre figli. La vuole dividere x 4, cioè 2 parti alla figlia e le restanti due parti ai due figli maschi. Secondo la legge è possibile….grazie distinti saluti.
    Mauro

  28. Buonasera, sono sposato ed ho un figlio, vorrei sapere p.f. se e come è possibile diseredare i nipoti di mia moglie, figli di suo fratello, dalla eredità della mia casa.
    Praticamente in caso di mia premorienza, io non gradisco che una volta, defunta anche mia moglie, una parte della eredità della casa vada oltre che a mio figlio anche a questi nipoti.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.