É una Pasqua diversa: pranzi via Skype, messa in streaming, strade deserte | | Password Magazine

É una Pasqua diversa: pranzi via Skype, messa in streaming, strade deserte

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

É una Pasqua diversa. Nonostante il sole e le temperature calde, non si può uscire. Qualcuno dovrà accontentarsi di festeggiare da solo, chi è in famiglia sarà più fortunato. A tavola, non mancano i piatti della tradizione ma alternata tra una portata all’altra c’è una telefonata o una videochiamata su Skype. Anche la messa si segue via streaming. Distanti ma insieme, grazie alla tecnologia.

Il cuore però è pesante, durante le festa: il pensiero va alle vittime del virus, ai sanitari in corsia che offrono cure e assistenza, ai malati che lottano ancora per la vita. A chi è in difficoltà economica, a chi in questi giorni ha fatto fatica a procurarsi anche solo il pane a tavola.

É una Pasqua diversa, con le strade e le piazze vuote. Le stazioni e gli aeroporti deserti, nessuno che può viaggiare o fare escursioni tra i monti. Nessuna pedalata prima del pranzo in campagna, neanche una corsa è concessa. Si sta a casa, sperando in un domani liberi da questo incubo.

É una Pasqua diversa, in cui anche i vicini di casa sorridono e fanno gli auguri dai balconi. In cui c’è spazio per la solidarietà, forse più di prima. Una Pasqua in cui si cerca il contatto in forme diverse, anche attraverso un sorriso inviato per messaggio. Dove più che mai riscopriamo il valore della libertà e dell’esserci. La bellezza dei piccoli gesti. Che sia insomma questa Pasqua un momento per riflettere, arricchire lo spirito, immaginarci in un domani migliore e rinascere.

Dalla redazione di Password, auguri di Buona Pasqua

A cura di Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.