Ecosistema Scuola di Legambiente: ritardo sulla sicurezza sismica, bene mobilità e uso di prodotti a km 0 | | Password Magazine
Lulù  

Ecosistema Scuola di Legambiente: ritardo sulla sicurezza sismica, bene mobilità e uso di prodotti a km 0

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce


REGIONE – L’indagine annuale di Legambiente, “Ecosistema Scuole” parla chiaro: edilizia scolastica vecchia e bisognosa di interventi di manutenzione e ammodernamento. Il XVII Rapporto riguarda la qualità e l’edilizia scolastica, nonché i servizi della scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado (realizzata su un campione di quasi 6mila scuole dei capoluoghi di provincia). Due i capoluoghi marchigiani che compaiono nell’indagine che vede Macerata, al ventesimo posto, perdere ben nove posizioni nella graduatoria generale rispetto al rapporto dello scorso anno; segue Ancona, al 45esimo posto, per una popolazione studentesca coinvolta in questi due comuni di 20.283 studenti. Rimangono escluse Ascoli Piceno e Pesaro per incompletezza di dati. Gli edifici costruiti secondo criteri antisismici sono solo il 5,6%, ben al di sotto della media nazionale (12,8%), nonostante il nostro sia un territorio fortemente a rischio. A questo dato va aggiunto quello della verifica di vulnerabilità sismica che ha coinvolto solo il 14,1% delle scuole a fronte del 31% della media nazionale. Riguardo la manutenzione, le due amministrazioni comunicano che ben il 31% degli edifici necessita di interventi urgenti (il 37% ad Ancona) e che quelli che hanno goduto di manutenzione straordinaria negli ultimi 5 anni sono solo l’8,5% a fronte del 45,6% della media nazionale. In compenso, le amministrazioni marchigiane risultano impegnate a finanziare progetti educativi e risultano abbastanza attente alla mobilità. Il 25,4% usufruisce di scuolabus (a Macerata tutte le scuole ne dispongono), il 97,2% ha attraversamenti pedonali, il 16,9% ha semafori pedonali, il 40,8% ha presenti i nonni vigili all’entrata e all’uscita da scuola, il 29,6% utilizza transenne parapedonali e soprattutto ben il 74,6% degli edifici è posto in zone 30 (a fronte dell’11,9% della media nazionale). Positivi anche i dati relativi all’utilizzo di prodotti biologici e a km 0 che vengono utilizzati in tutte le scuole, mentre il 31,6% utilizza prodotti IGP e DOP.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.