Edoardo Clementi: premio Panathlon e titolo italiano UISP di judo

Quando lo sport va a braccetto con la scuola

Edoardo Clementi

JESI –  Successi scolastici e successi sportivi per Edoardo Clementi, alunno dell’ Iis Marconi Pieralisi. Edoardo, che frequenta la 2F dell’ Itis, ha vinto il premio Studente Atleta dell’ Anno per la sezione scuole superiori, prestigioso riconoscimento del Panathlon Club di Jesi. La motivazione consiste nel «livello eccelso sia per i risultati sportivi che scolastici», come recita la lettera del presidente avvocato Fabio Fittaioli. Selezionato tra ben diciannove agguerriti concorrenti, Edoardo ha ricevuto il premio nel corso della cerimonia ufficiale svoltasi presso l’ hotel Federico II di Jesi il 17 Maggio scorso, presente anche la sua insegnante di italiano, professoressa Arianna Martelli. Del resto, per vincere, le carte di Edoardo erano più che valide: media dell’ otto nell’ anno scolastico 2017-18 e grandi risultati di livello nazionale nello sport da lui amato e praticato, il judo. Un premio talmente meritato che Edoardo ha pensato bene di confermarlo vincendo per la seconda volta il titolo nazionale nel campionato italiano di Judo del circuito UISP ( Unione Sport per Tutti ). Le finali si sono svolte domenica 26 Maggio a Jesi presso il Palazzetto dello Sport. La società sportiva di cui Edoardo fa parte, ovvero la Judo Samurai del maestro Claudio Coppari, ha inoltre vinto, anche grazie al contributo di Edoardo, il titolo nazionale a squadre.

La carriera nel judo

Edoardo, sedici anni, era in lizza per la categoria 90 kg. Per la verità, come dicevamo all’ inizio, non è nuovo a simili exploit. Nonostante la sua giovane età, ha già in passato conquistato successi importanti nel judo. Dice: «Nel 2016, a La Spezia, mi ero già classificato al secondo posto. Nel 2017 a Torino, sempre nel campionato UISP, ero arrivato primo nella categoria 81 kg. E l’ anno scorso, a Reggio Emilia, sempre nella categoria 81 kg, ho vinto il titolo nazionale. Quest’ anno gareggiavo nella categoria superiore, quella dei 90 kg, ed è andata bene…». Insomma, un poker di vittorie niente male….

Edoardo, ci puoi raccontare come è andata la gara?

«Dei tre incontri disputati, il più difficile è stato sicuramente il primo. Non conoscevo infatti l’ avversario e questo crea sempre qualche problema. Comunque ho vinto per Ippon, che sarebbe quando riesci a far cadere l’ avversario sul tatami mettendogli le spalle a terra. In quel caso, i giudici ti assegnano la vittoria subito. Ho usato la tecnica detta O Soto Gari: una tecnica veloce e, quando riesce, molto efficace».

L’ incontro che ha deciso il titolo invece?

«È andato tutto liscio. Ho applicato la tecnica del Wazari per mettere al tappeto l’ avversario e poi ho applicato una leva per immobilizzarlo».

Alla scoperta di uno sport bellissimo

Molti ragazzi oggi non conoscono bene questa bellissima disciplina sportiva che è il judo. Ce ne potresti parlare?

«Il judo – risponde Edoardo – è un’ arte marziale che viene dal Giappone. Sicuramente è molto impegnativa. Io ad esempio mi alleno cinque volte la settimana e gli allenamenti durano come minimo un’ ora e mezza ogni volta. Poi ci sono le gare e i vari tornei. L’ allenamento consiste in una prima fase di riscaldamento. Dopodiché si studiano le tecniche, cioè proiezioni, leve articolari, immobilizzazioni, e la loro applicazione, e poi tutti i loro possibili sviluppi. Alla fine dell’ allenamento c’è il Randori, ovvero il combattimento libero dove si mette in pratica tutto ciò che si è imparato».

Ma la cosa più appassionante del judo qual è ?

«Innanzitutto è molto bello studiare queste tecniche anche perché vanno adattate al fisico e al carattere della persona che le pratica. Poi, ovviamente, è bello quando in gara, applicandole bene, riesci a neutralizzare il tuo avversario».

E come ti sei avvicinato a questa disciplina? 

«Me l’ ha fatta scoprire mio padre, da giovane l’ aveva anche lui praticata, raggiungendo la cintura verde».

È uno sport violento?

«Assolutamente  no – afferma deciso Edoardo-, il judo è nato come un sistema marziale difensivo. Si mira cioè a mettere l’ avversario in condizione di non nuocere, senza fargli del male. C’è da dire, inoltre, che nel judo è molto importante l’ etica della lealtà e del rispetto dell’ avversario. Lo si vede già nel saluto con cui si inizia e si termina l’ allenamento e il combattimento:  un piccolo inchino che significa “Ti affido la mia testa perché ho fiducia in te».

Insomma, se dovessi spiegare ad un amico perché praticare il judo cosa gli diresti?
«Gli direi che pur con tutti i sacrifici che richiede, ti fa crescere in modo armonioso e completo. Infatti, a differenza della scherma e del tennis, che sviluppano maggiormente solo una parte del corpo, nel judo tutte le parti sono sollecitate in egual misura. Inoltre direi che le soddisfazioni sono grandissime: quando vedi il tuo avversario cadere a terra è davvero una bella sensazione».

Interviene la professoressa Arianna Martelli, affermando: «Il judo è uno sport che si addice alla personalità di Edoardo. Ha un carattere pacato e tranquillo ma deciso. Riesce a portare avanti i due impegni, quello della scuola e quello dello sport, senza problemi». E conferma infatti Edoardo: «Finito di studiare, non vedo l’ ora di correre in palestra per sfogarmi e divertirmi sul tatami».

A cura di Giovanni Scala

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*