«Elegia Fantastica. Le Marche tra ricordo e visione», la mostra di Emanuele Scorcelletti - Password Magazine

Festival Pergolesi

«Elegia Fantastica. Le Marche tra ricordo e visione», la mostra di Emanuele Scorcelletti

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Al via alla mostra «Elegia Fantastica. Le Marche tra ricordo e visione», un’esposizione di cento fotografie che esprime il profondo legame che ha il fotografo italo-francese Emanuele Scorcelletti con la regione Marche.

Il progetto, a cura di Cyril Drouhet direttore alla fotografia di “Le Figaro Magazine”, nasce dalla collaborazione tra la Regione Marche, il Comune di Jesi, il Gruppo Fedrigoni e la società Leica e sarà fruibile a partire dal 30 aprile e terminerà il 4 settembre.
mostraLa mostra “Elegia Fantastica. Le Marche tra ricordo e visione” è stata allestita presso Palazzo Pianetti ed è suddivisa in due sezioni: la prima denominata “Ricordi” nella Galleria degli Stucchi, è costruita con uno stile narrativo dal taglio introspettivo e ripercorre i luoghi della sua infanzia; la seconda sezione chiamata “Visioni” nelle sale Betto Tesei, è costituita da immagini astratte, inondate di luce e sempre meno riconoscibili, dal forte impatto sensoriale, tra profumi, suoni, e giochi di luci.

È il progetto di una vita che descrive lo stretto legame dell’artista di fama mondiale Emanuele Scorcelletti con la nostra regione Marche, e che ha deciso di omaggiare con questa mostra: «Per noi che abbiamo la fortuna di essere marchigiani sarà semplice ricavare emozioni di appartenenza e forti sentimenti guardando le splendide foto del fotografo Emanuele Scorcelletti – commenta l’assessore Luca Butini – e per chi non lo è, queste immagini saranno un bellissimo biglietto da visita che attirerà le persone a visitare le nostre colline, grazie alla potenza attrattiva di queste fotografie. Grazie a tutti per la realizzazione di questo bel lavoro e un grazie speciale allo staff del Palazzo Pianetti per l’impeccabile organizzazione».

mostra Emanuele Scorcelletti

Il curatore della mostra Cyril Drouhet è parigino ma da ormai quasi otto anni sente parlare della regione Marche attraverso i ricordi e le emozioni dell’amico Emanuele: «Passando in questi giorni per le colline, in special modo per San Marcello, mi sono soffermato ad osservare il paesaggio e non riuscivo a smettere di guardarlo – commenta Cyril Drouhet – ed è stato in quel momento che ho capito il perché di tutte quelle sensazioni ed emozioni raccontate da Emanuele attraverso la fotografia. E lo fa in un modo unico, con la sensibilità che lo contraddistingue come artista e come persona; in ogni suo scatto c’è impegno, tenerezza e soprattutto, il lato umano delle cose».

Marchigiano di origine, ma vissuto sin da bambino tra Lussemburgo e Francia, Emanuele Scorcelletti ritorna alle emozioni e ai sentimenti che permeano e scaturiscono dai territori originari della sua infanzia, delle sue radici, attraverso immagini in bianco e nero. In ogni suo scatto è facile cogliere una forte passione per le Marche, e ogni sua fotografia è di forte impatto emotivo: «Vivendo a Parigi, e facendo spesso visita in questa terra, ogni volta venivo colto da una forte emozione perché le Marche sono una terra per me molto forte e intensa – spiega il fotografo Emanuele Scorcelletti – e i marchigiani, durante i miei scatti, mi hanno accolto a braccia aperte anche senza conoscermi. Venire qui e fotografare è un piacere per me e il poter far conoscere le Marche all’estero è un privilegio e un onore».

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.