Elezioni amministrative, ecco dove si vota domenica e lunedì | Password Magazine
Festival Pergolesi  

Elezioni amministrative, ecco dove si vota domenica e lunedì

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Domenica 3 e lunedì 4 ottobre si voterà in 1.192 comuni italiani per le elezioni amministrative, cioè l’elezione per il rinnovo del sindaco e della giunta comunale. Oltre alle nomine cittadine, quest’anno si voterà anche per scegliere il nuovo presidente della regione Calabria dopo la scomparsa, quasi un anno fa esatto, dell’ex governatrice Jole Santelli. Queste elezioni saranno fondamentali più del solito perché, fra i tantissimi comuni al voto, di cui 1.073 con meno di 15mila abitanti, saranno chiamati alle urne anche i cittadini di molte città e metropoli italiane.

Si voterà infatti anche a Roma, Milano, Napoli, Bologna e Trieste, più in 13 capoluoghi di provincia (Benevento, Caserta, Cosenza, Grosseto, Isernia, Latina, Novara, Pordenone, Ravenna, Rimini, Salerno, Savona e Varese) e nei collegi di Siena e del quartiere Primavalle di Roma.

Sono coinvolti nelle elezioni amministrative anche due comuni della Vallesina, Cupramontana e Santa Maria Nuova. Nel primo caso, i candidati a succedere al sindaco uscente Luigi Cerioni sono Enrico Giampieri, Clarice Orsi e Laura Paolini; nell’altro comune, invece, il sindaco uscente Alfredo Cesarini correrà da solo per la fascia tricolore, non essendo stata presentata un’altra lista sfidante ma dovrà superare lo scoglio del quorum.

Modalità e orari del voto

In Calabria (in generale nelle regioni) e nei comuni con più di 15mila abitanti, un candidato può vincere al primo turno prendendo il 50 per cento più 1 dei voti validi. Se nessuno dei candidati raggiunge questa soglia, i due candidati più votati accederanno al secondo turno, e in quel caso vince chi otterrà la maggioranza dei voti dei cittadini.

Mentre nei comuni più piccoli, cioè con meno di 15mila abitanti – è il caso di Cupramontana e Santa Maria Nuova, avendo rispettivamente 4688 e 4177 abitanti -, il candidato vince al primo turno se prende la maggioranza dei voti, senza bisogno, quindi, della metà più uno. In caso di parità tra due candidati, si andrà a un ballottaggio al secondo turno. Se dovesse verificarsi un’ennesima parità anche al secondo turno verrà eletto il candidato più anziano tra i due.

Nelle Marche, considerando tutte le province, saranno chiamati a votare 180.056 cittadini, dove, tra l’altro, solo 2 comuni rischieranno il ballottaggio al secondo turno essendo sopra i 15mila abitanti: Castelfidardo in provincia di Ancona e San Benedetto del Tronto in provincia di Ascoli.

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.