Elezioni, con un piede nel passato e lo sguardo nel futuro | | Password Magazine

Elezioni, con un piede nel passato e lo sguardo nel futuro

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Corsivo di Marco Torcoletti

JESI – Ricordate il film Highlander? Ne resterà uno solo. Ma con il novello sindaco ci saranno anche ventiquattro consiglieri, ossia poco più di una manciata rispetto ai 249 aspiranti, circa 100 in meno della precedente tornata, quella del 2012, quando a candidarsi furono in 340. I confronti apparterranno al passato e i riflettori si spegneranno su una campagna tra le più anomale degli ultimi anni, per la moderazione dei toni, ma anche e soprattutto per il ridimensionamento del ruolo dei partiti. Infatti, con l’eccezione di quello Democratico con Osvaldo Pirani e della Lega Nord con Silvia Gregori, protagoniste della maratona verso piazza Indipendenza sono state le liste civiche, mai come stavolta capaci di attrarre l’adesione di tante e tanto diverse personalità, secondo declinazioni differenti: da quelle a sostegno di Samuele Animali, riconducibili allo spirito della sinistra cittadina, a quella di Massimiliano Lucaboni, in un certo senso sotto l’egida di Forza Italia, fino alle ben quattro raccolte intorno al sindaco uscente, Massimo Bacci, popolate da volti più o meno noti della cosiddetta società civile, di formazione e cultura politica anche parecchio distanti. Lontano anni luce dal predecessore, il candidato del Movimento Cinque Stelle, Luca Bertini, ha esordito centellinando le sue comparse, sostituito in più d’una occasione dai compagni di squadra, non ultimo proprio Gianangeli, nel rispetto di una prassi dell’alternanza, basata sulla competenza rispetto al tema di turno. Nel 2012 il colosso della sinistra cittadina fu battuto dalle rampanti ancorché modeste, per lo meno nei numeri, Jesiamo e Patto per Jesi, con il successivo appoggio di Insieme Civico di Marco Giampaoletti. E pensando proprio ai duellanti, protagonisti del passato ballottaggio, nel 2017 i ruoli sembrano essersi capovolti: solo due liste per il candidato del Partito Democratico e ben quattro per il commercialista. Cinque anni fa, la clamorosa vittoria di Bacci o, come l’ha bollata Ero Giuliodori, la sconfitta del partito Democratico, vide tutte le altre forze in campo uscirne con magri risultati, fatta eccezione per i Cinque Stelle, giunti ad un passo dal ballottaggio. Cosa accadrà stavolta, con la sinistra cittadina non più in odore di inafferrabilità e con un contesto elettorale mutato, percorso da istanze e tensioni di cui potrebbero giovarsi sia la Lega di Gregori che la compagine di Lucaboni? E con un binomio di liste, a sostegno di Animali, giovani e agguerrite.  L’11 giugno toccherà agli jesini dire la loro, sia sul gradimento dei programmi, sia sul lascito del quinquennio bacciano. Ed è forse proprio su questo binomio che si giocherà la partita decisiva. Come direbbero quelli di Jesi a muso duro, “con un piede nel passato e lo sguardo nel futuro”.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.