Emergenza sisma, nasce a Jesi un Coordinamento per iniziative di aiuto e sostegno | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Emergenza sisma, nasce a Jesi un Coordinamento per iniziative di aiuto e sostegno

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI -Nasce a Jesi grazie all’iniziativa dell’Amministrazione Comunale un organismo di coordinamento a supporto della Protezione Civile per affrontare, nel medio e lungo periodo, l’emergenza determinata dal sisma della notte tra martedì e mercoledì.

Le funzioni di coordinamento, come ha sottolineato il Sindaco Massimo Bacci, si rendono in questo momento indispensabili per razionalizzare e ottimizzare, incrementandone l’efficacia, gli interventi di aiuto e sostegno alle popolazionie delle aree colpite dal terremoto.

Con la fine della prima fase emergenziale le pur generose raccolte spontanee di indumenti, generi alimentari e medicinali portate avanti da associazioni e singoli cittadini dovranno avere come soli riferimenti i soggetti istituzionalmente preposti: Caritas di Jesi e Croce Rossa Italiana, cioè gli unici legittimati dalla Protezione Civile regionale e nazionale a ricevere il materiale. “Lo spontaneismo è importante ed è il segno della generosità dei nostri concittadini ma se non coordinato potrebbe risultare inefficace”, ha dichiarato Bacci con approccio pragmatico e spirito organizzativo. Questo organismo, di cui faranno parte la Croce Rossa Italiana, la Caritas, il Coordinamento delle Associazioni di Volontariato e la società Jesi Servizi come braccio operativo del comune, avrà il compito di individuare le reali necessità delle comunità locali contattando le amministrazioni dei comuni marchigiani colpiti dal sisma e concertando con esse gli interventi sui quali indirizzare le risorse raccolte attraverso sottoscrizioni pubbliche. Anche altri comuni del nostro territorio hanno espresso al Sindaco Bacci l’intenzione di attivare raccolte pubbliche di fondi finalizzate alle precise esigenze delle aree terremotate.
Per tutte le informazioni è possibile consultare la pagina facebook appositamente creata da un’associazione di volontari che partecipa al gruppo di coordinamento: aiutiamoli…go.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.