Banner Aprile IH Victoria

Emma, una dottoressa jesina a Barcellona per assistere pazienti Covid

JESI – A Barcellona è in prima linea nella lotta al coronavirus. Si chiama Emma Avitabile la dottoressa jesina che da alcune settimane è operativa nel reparto covid dell’Hospital Clinico, uno dei migliori ospedali del capoluogo della Catalogna e del paese. A portarla in Spagna un anno fa la scelta di impegnarsi in un master in epatologia e ricerca clinica. Poi, con lo scoppiare della pandemia, la Avitabile è stata chiamata in servizio tra i pazienti contagiati dall’infezione Sars-Cov-2. «Inizialmente, non avendo ancora il titolo da medico omologato per lavorare in Spagna, la direzione ospedaliera mi aveva chiesto di restare a casa – racconta la dottoressa – . Io però da medico internista non sono abituata a starmene con le mani in mano. Ho resistito una settimana, poi ho iniziato ad organizzarmi per rientrare in Italia per dare una mano ai miei colleghi. Volevo riprendere servizio a Novara, nell’ospedale dove lavoravo prima». Quello del medico, dopotutto, è un mestiere che si fa per una sorta di vocazione. E a volte è proprio il destino a cambiare le carte in tavola: «Mi stavo organizzando per ripartire quando ho ricevuto via mail proprio quel documento che mi mancava. In più, con il diffondersi dell’emergenza, è capitato che le strutture sanitarie spagnole iniziavano ad avere un gran bisogno di camici bianchi, accettando anche l’aiuto di medici stranieri».

Attualmente, la Spagna ha superato il numero dei contagi:  «La situazione che si sta vivendo qui è molto simile a quella in Italia, con differenze per regione, essendo la zona di Madrid la più colpita, paragonabile a Milano, e forse Barcellona un po’ meno disastrata – spiega la dottoressa jesina -. A soffrire di più sono le più piccole cittadine della Catalogna, essendo isolate e con meno risorse sono un po’ abbandonate a se stesse. Io mi sentivo impotente senza poter fare nulla, mentre ricevevo dai miei colleghi italiani tutti gli aggiornamenti. Ora che posso anche io aiutare sto meglio, faccio il mio lavoro che mi mancava tantissimo». All’Hospital Clinico di Barcellona si aprono nuovi reparti ogni giorno e si aggiungono letti liberi in terapia intensiva per i pazienti: «Qui c’è un’organizzazione invidiabile, in due settimane hanno aperto 20 reparti covid  – continua il medico Avitabile -. Ogni settimana, il personale medico è sottoposto regolarmente a tampone, chi è infetto ma non ha sintomi viene comunque lasciato a casa. Si lavora divisi in gruppi, in modo che chi dovesse contrarre la malattia, nel peggiore dei casi, infetta il suo team ma non tutti i colleghi». Ogni giorno in corsia è una sfida contro il virus terribile: «Senza assistenza medica, l’età media delle morti sarebbe molto più bassa – spiega – . I pazienti, anche relativamente giovani e senza chissà quali comorbidità, peggiorano rapidamente e all’improvviso. La cosa peggiore, come medico ovviamente, è non poter salvare gente che stava relativamente bene».

Il pensiero va poi agli affetti rimasti in Italia: «Penso alla mia famiglia, a mia nonna che ha 93 anni e che spero resista anche a questo per rivederla. Appena terminata l’emergenza rientrerò sicuramente – conclude Emma -. Al momento, faccio turni anche di 24 ore ma sono contenta di potermi recare a lavoro in ospedale e aiutare in qualche modo chi ne ha bisogno. Ci chiamano eroi ma non lo siamo: questo è lavoro che svolgiamo tutti i giorni».

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.