"Emozioni", secondo appuntamento con Castelbellino Filosofia

CASTELBELLINO  – Domenica 10 aprile alle ore 17, al Teatro B.Gigli di Castelbellino, ritorna, promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Castelbellino la manifestazione annuale CastelbellinoFilosofia diretta dalla Prof. Laura Cavasassi; all’interno della manifestazione si relazionerà su un tema particolarmente evocativo, in tempi di cambiamento delle abitudini, degli stili di vita,  ed in periodi di mutamenti socio-antropologici di varia origine con effetti complessi: CastelbellinoFilosofia si occuperà di Emozioni.

Dopo il successo della prima conferenza svoltasi domenica scorsa con il Prof. Silvano Tagliagambe, che ha proposto una conferenza dal titolo “Come imparare a vedere”, il secondo appuntamento, domenica 10 aprile alle ore 17 sempre in Teatro B.Gigli, sarà con la Professoressa Gabriella Baptist, che relazionerà una conferenza dal titolo “L’intelligenza dei sensi”: si affronteranno e si valuteranno gli esiti degli ultimi studi filosofici collegati alle emozioni. Dagli stessi studi, ci si rende conto che la parte delle emozioni e dei sentimenti che la tradizione aveva relegato a espressioni del cuore sono invece alimentati da componenti mentali e razionali.
“La filosofa dell’Università di Cagliari, Gabriella Baptist – commenta il Vicesindaco con delega alla Cultura, Massimo Costarelli – ritorna per la terza volta a Castelbellino dopo le ultime due mirabili conferenze negli anni scorsi; ancora una volta metterà a disposizione la sua conoscenza sulle ricerche filosofiche e la sua abilità comunicativa straordinaria nel divulgare la filosofia con un linguaggio immediato e di facile comprensione, oltretutto, in questo caso, creando un ponte necessario di comprensione tra l’attività di ricerca e gli effetti pratici delle emozioni sulle nostre scelte di vita. Invitiamo la cittadinanza interessata intervenire ed a godere di un pomeriggio di riflessione filosofica e di approfondimento umanistico su un tema che spesso derubrichiamo a valore secondario, e che invece, più o meno consapevolmente, permea la nostra coscienza, e perchè no, il nostro destino”.

Un appuntamento da non perdere. L’ingresso è libero.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*