Esenzione DAD per figli categorie 'essenziali', Acquaroli: «Non spetta alla Giunta» | Password Magazine

Esenzione DAD per figli categorie ‘essenziali’, Acquaroli: «Non spetta alla Giunta»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

REGIONE – Polemiche nel mondo della scuola sulla possibilità o meno in zona rossa di esenzione dalla didattica a distanza per i figli di alcune categorie di lavoratori (es. personale sanitario).

In seguito all’ordinanza n.8 del 5 marzo 2021, per cui le province di Ancona e Macerata rientrano nella zona rossa, è stata prevista però la chiusura della scuole di ogni ordine e grado e quindi l’attivazione della didattica a distanza per tutti, garantendo «la possibilità di svolgere attività in presenza per i laboratori, gli studenti con disabilità e con bisogni educativi speciali».

Sulla questione è intervenuto il presidente della Giunta regionale Francesco Acquaroli: «Chiarisco subito che questo tipo di esenzioni non è in capo alla giunta regionale, ma rientra nella competenza di chi emette il Dpcm, del ministero dell’Istruzione e dell’autonomia scolastica territoriale» spiega il Governatore.

Il presidente Acquaroli continua affermando che, applicando la zona rossa nelle province di Ancona e Macerata, si seguono tutte le disposizioni previste dal Dpcm e che: «Eventuali deroghe per la didattica in presenza non competono alla giunta regionale. Pertanto non è riconducibile a noi nessuna delle interpretazioni che ostacolerebbero la didattica in presenza per alcune specifiche categorie».

Anche dal Comune di Jesi, nei giorni scorsi, erano arrivate precisazioni in merito: «Dal momento che sono pervenute richieste di chiarimento in ordine agli alunni autorizzati all’attività didattica in presenza durante questa fase di zona rossa, si chiarisce che anche il Comune di Jesi si attiene scrupolosamente al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri e all’ordinanza del Presidente della Regione Marche. Entrambe le disposizioni prevedono che “resta salva la possibilità di svolgere attività in presenza qualora sia necessario l’uso di laboratori o in ragione di mantenere una relazione educativa che realizzi l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali, garantendo comunque il collegamento on line con gli alunni della classe che sono in didattica digitale integrata».

 

A cura di Chiara Petrucci

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.