Esino, acque inquinate da biogas. Meet Up Spazio Libero Jesi: "Più controlli e vigilanza" | | Password Magazine

Esino, acque inquinate da biogas. Meet Up Spazio Libero Jesi: "Più controlli e vigilanza"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Sulla vicenda dell’inquinamento delle acque dell’Esino a causa di uno sversamento proveniente da una centrale biogas con sede a Castelbellino, si esprime anche  Meet Up Jesi Spazio Libero:

“Se il digestato – ossia ciò che resta del processo di fermentazione di una centrale biogas – vuole essere trattato  come rifiuto, il produttore, accollandosene gli oneri, deve smaltirlo come tale, ma se intende trattarlo come risorsa, da riutilizzare in campo agronomico, deve farlo attenendosi  scrupolosamente a quanto stabilito nella delibera regionale n. 92 del 3 febbraio 2014, che specifica dettagliatamente tutte le condizioni e i parametri nel rispetto dei quali ne è ammesso l’impiego – si legge in una nota – Il fatto che il  digestato sia scivolato nel fiume  fa presumere che la normativa non sia stata rispettata. Pertanto, se dalle indagini in corso si rivelassero reati con dolo a carico dei responsabili, ci appare più che opportuna la sospensione dell’attività o addirittura la chiusura  dell’impianto”.

Viene dunque sottolineata l’importanza di maggiori controlli e vigilanza: “Se così è, c’è una sola cosa da fare per l’immediato: pretendere l’applicazione della suddetta delibera regionale; moltiplicare i controlli, garantendo una vigilanza assidua sui siti da parte del Corpo Forestale ma anche delle forze di polizia locale  provinciale. È indispensabile potenziare le attività di verifica e controllo sui piani dell’azienda in riferimento all’utilizzo del digestato. Occorre, inoltre, la VIGILANZA sul territorio in generale, affinché una “risorsa” non venga trasformata in un rifiuto inquinante da far scivolare involontariamente o in mala fede nelle acque del fiume”Una centrale biogas diventa comunque nociva se viene realizzata e fatta funzionare in barba alle regole che la comunità si è data”.

Comunicato da: Meet Up Spazio Libero Jesi

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.