Esplosione alla centralina termica, muore l’operaio investito dallo scoppio

JESI – Non ce l’ha fatta Giuliano Ciabuschi, 57 anni, rimasto coinvolto nell’esplosione avvenuta quasi sei mesi fa alla centralina termica dell’ospedale Carlo Urbani, in via dell’Agraria.

L’uomo, dipendente della CoopService di Reggio Emilia,  era rimasto gravemente ferito dopo lo scoppio avvenuto mentre stava eseguendo degli interventi di manutenzione a una delle caldaie. L’uomo era stato sbalzato via riportando gravi traumi in tutto il corpo e ustioni principalmente sul viso. 

Dopo mesi di lotta tra la vita e la morte, il 57enne, originario di Monte Roberto, si è spento martedì all’ospedale Carlo Urbani di Jesi, al reparto di Neurologia dove era in cura.

I funerali si svolgeranno con rito cattolico venerdì alle ore 11 presso la Chiesa Sant’Apollinare di Monte Roberto. La salma si trova ora alla Casa Funeraria Santarelli di Monsano, disponibile per un ultimo saluto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*