Ex Aerca, illustrato lo studio epidemiologico: i casi di tumore | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Ex Aerca, illustrato lo studio epidemiologico: i casi di tumore

JESI – Zona ex Aerca, resi noti i dati di sorveglianza epidemiologica e sanitaria della popolazione residente nell’area. Un report descrittivo, una fotografia dei trend e dello stato di salute nel tempo e nello spazio ma non una correlazione causa-effetto: è quanto ha spiegato la dott.ssa Liana Spazzafumo dall’Ars regionale (Agenzia Regionale Sanitaria), in sede di commissione consiliare martedì scorso presso la sede municipale di Jesi cui sono stati convocati anche rappresentanti Asur e Arpam.

«Un report che coinvolge non solo più enti ma anche più fonti di dati – spiega la Spazzafumo -. Infatti, l’insorgere di determinati patologie va attribuito a più fattori, non solo quelli ambienti».

Le fonti prese in considerazione sono i ricoveri ospedalieri, i dati di mortalità Istat, il registro tumori e la sorveglianza pass per gli stili di vita: la metodologia utilizzata è la Sentieri (Studio Epidemiologico Nazionale dei Territori e degli insediamenti Esposti che cerca di associare a priori la causa dell’evento sanitario e l’esposizione a determinati fonti ambientali (nel caso dell’ex zona Aerca la raffineria Api, gli impianti chimici, la centrale termoelettrica e l’area portuale), determinando se sufficiente per poter fare inferenza sul tipo di associazione. Il periodo di riferimento è il 2010/2012: tra i Comuni con livello di attenzione medio-alta per decessi tra i residenti della zona ex Aerca sono stati riscontrati: ad Ancona,  morti per tumori maligni alla trachea; Ancona e Falconara Marittima, mesotelioma (considerata malattia professionale), a Chiaravalle, Falconara e Montemarciano, malformazione congenite con trend stabile, tumori maligni del colon. Per quanto riguarda Jesi, c’è stato un eccesso di ricoveri ospedalieri per malformazioni congenite, tumori maligni del colon retto, malattie apparato respiratorio che riguardano sia uomo e donna.
Inoltre il registro tumori, nel triennio, ha registrato nella zona ex Aerca 4836 nuovi casi, di cui 2597 uomini e 2239 donne. Al primo posto, per gli uomini il tumore alla prostata, il colon retto, il polmone, vescica, stomaco: «Un incidenza che non si discosta dalla tendenza nazionale – fa sapere la Spazzafumo -, stesso discorso per le donne, con il tumore alla mammella al primo posto e poi, colon retto, il polmone, utero, tiroide».

Nel rapporto con i casi dell’Italia centrale, è in eccesso il dato sulle leucemie che è un po’ più alto negli uomini così come nelle donne.

«Per quanto riguarda Jesi – continua la referente dell’Ars  – la situazione fotografata dal registro tumore non è allarmante ma si evidenzia comunque l’eccesso di leucemie nelle donne e negli uomini. Per le prime, anche il linfoma non-Hodgkin».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.