Ex filanda Girolimini, tardano gli interventi di riqualifica

JESI – Si torna a parlare in Consiglio dell’ex Filanda Girolimini, l’area immobiliare compresa tra via Roma e via Asiago, da anni in stato di abbandono e pericolo crollo.

Il consigliere comunale del PD Lorenzo Fiordelmondo, che nel mese di dicembre aveva già presentato una mozione sulla questione per evidenziare la necessità di un intervento da parte dell’Ente Comunale, ha depositato quest’oggi un’interpellanza per conoscere in sede di Consiglio, il 23 marzo prossimo, «quali sono le motivazioni che, stante il mancato rispetto del termine indicato dalla proprietà e il perdurare delle esigenze manifestate dai residenti, hanno impedito ad oggi, all’amministrazione Comunale, di adottare l’ordinanza ad hoc utile al ripristino delle dovute condizioni igienico sanitarie e ambientali nell’area dell’ex Filanda Girolimini e se è vero che l’Amministrazione Comunale procederà in tal senso entro il corrente mese di marzo 2018 laddove la proprietà non proceda all’immediata apertura dei lavori».

La precedente mozione richiedeva infatti all’Amministrazione un impegno «all’immediata adozione di tutte le misure idonee che gli strumenti amministrativi consentono, ivi compresa un’ordinanza ad hoc, diretta ad imporre alla proprietà dell’area immobiliare interessata, tutti gli adempimenti necessari al fine della alla messa in sicurezza dell’area ex Filanda Girolimini, nonché alla rimozione di tutto il pattume accatastato e di ogni altra azione idonea alla tutela della salubrità dell’ambiente e al ripristino del decoro urbano». Tuttavia, il Consiglio Comunale di Jesi respingeva tale mozione avendo l’assessore ai Lavori Pubblici Roberto Renzi dichiarato che sentita la proprietà, alla fine di febbraio 2018  sarebbero stati pronti per avviare gli interventi, avvalendosi anche di adottare tutte le misure necessarie, anche un’ordinanza, se necessaria, per intimare ulteriori interventi, soprattutto per eliminare inconvenienti di carattere igienico sanitario.

Criticità che «alla data odierna ancora tutte esistenti ed irrisolte» , puntualizza Fiordelmondo, e pertanto ancora tutte manifeste, nonostante le «tempistiche indicate dalla proprietà per l’apertura del cantiere e l’inizio dei lavori siano scaduti»  e che «l’area necessità di un intervento urgente da parte dell’Amministrazione comunale per tutti i fini già indicati nella mozione respinta».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*