Fabriano, nuova viabilità: vietate le auto in centro storico - Password Magazine

Festival Pergolesi

Fabriano, nuova viabilità: vietate le auto in centro storico

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

FABRIANO – «Un cambio di viabilità per una città diversa, più a grandezza d’uomo». Con queste parole, il sindaco di Fabriano Gabriele Santarelli ha annunciato ieri le novità che riguarderanno la circolazione delle auto in centro storico con gli assessori Joselito Arcioni e Nello Fiorucci e il comandante della Polizia locale Strippoli. L’area interessata dai nuovi provvedimenti è quella compresa tra Piazza del Comune, Corso della Repubblica parte bassa (compreso Largo Stelluti, detto anche ‘Piazza Padella’), tratto di Via Leopardi (dal civ. 5 al civ. 2), Via del Poio, Piazza Papa Giovanni Paolo II, Largo Bartolo da Sassoferrato, Via Verdi, Via Corridoni e Via Castelvecchio. In questa parte del centro storico è vietata la circolazione e la sosta dei veicoli h24, ad eccezione di mezzi di soccorso o di servizio. Uno strappo alla regola è concesso in caso di matrimoni e funerali (ma non più di 5 veicoli tra familiari e personale tecnico) o di pubbliche manifestazioni. Sempre ammesse invece le biciclette, monopattini e i bus navetta del TPL di raccordo tra i principali parcheggi cittadini e il centro storico. I residenti potranno entrare con i loro veicoli (debitamente autorizzati) solo nei giorni feriali e dunque dal lunedì al venerdì dalle 7 alle 14 per operazioni di carico e scarico presso le proprie abitazioni: la sosta sarà consentita solo per 30 minuti (da comprovare con disco orario). Dopodiché dovranno lasciare l’auto fuori dall’area, essendo sempre vietata la sosta inoperosa. Il via lunedì 13 dicembre.

Layout1

«Con questa ordinanza, portiamo a compimento un progetto importante per questa Amministrazione – spiega il sindaco -. Il passo non è definitivo, sarà un lavoro che richiederà tempo. Nonostante le polemiche e nonostante la modifica riguardi solo una piccola parte del centro storico, si percepisce comunque interesse e positività da parte dei cittadini riguardo a questa iniziativa. Non escludiamo che, nel momento in cui venga attivata questa nuova modalità, saranno necessarie successive modifiche».
L’Amministrazione comunale si dice pronta dunque ad ascoltare: «Pur avendo avviato una campagna informativa, ho percepito disorientamento tra i residenti – aggiunge il primo cittadino -. Per questo abbiamo già concordato un incontro con residenti per cercare di capire quali sono dubbi rimasti e cercare di definire eventuali interventi di miglioramento».

La chiusura del centro storico avverrà mettendo due varchi d’accesso, in cima e in fondo Corso della Repubblica. Il primo è sito all’inizio di Piazza del Comune, delimitato da barriere ad apertura scorrevole come quello d’uscita. I due varchi sono gestiti in maniera remota, attraverso un sistema software di gestione che permettere l’apertura attraverso una chiamata telefonica o da telecomando o app telefonica (ove gli sia stato dato in assegnazione)

L’ingresso all’Area è possibile anche dal varco sito in Via Leopardi, delimitato da dissuasore mobile: da tale varco possono tuttavia transitare solo i mezzi di soccorso e polizia, cicli e micromobilità ed i veicoli dei residenti. Sono inoltre sono inoltre permanentemente interdetti (tramite paletti del tipo rimovibile, per casi di necessità ed urgenza): il collegamento tra Piazza Papa Giovanni Paolo II e Piazza A. Di Savoia; il collegamento tra Piazza Papa Giovanni Paolo II e via Fogliardi; il collegamento tra Piazzetta del Podestà e via Corridoni.

Una navetta elettrica farà il percorso da lunedì a sabato, ogni 30 minuti, tra l’area del centro e i parcheggi esterni con stop alle fermate TPL – ne sono state implementate di cinque – e per alzata di mano.

 

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.