FAIMarathon, alla scoperta dei tesori nascosti di Jesi

JESI – Passeggiare per la città, in una maratona culturale in cui a correre sono gli occhi.

Torna l’appuntamento con “FAIMarathon“, iniziativa promossa dal Fondo Ambiente Italiano e Il Gioco del Lotto che coinvolgerà domenica prossima ben 90 città italiane.

Dopo il successo della prima edizione – che ha richiamato 25.000 partecipanti – FAImarathon propone nuovi itinerari urbani ed extraurbani  interessanti e curiosi,  con l’intento di far riscoprire agli italiani i sorprendenti tesori che si nascondono tra i luoghi della loro vita quotidiana.

L’iniziativa è a sostegno della campagna di raccolta fondi “Ricordati di Salvare L’Italia”, rivolta alla messa in sicurezza del territorio, nell’ottica di tutelane il patrimonio artistico e culturale.

Il Gruppo FAI Jesi e Vallesina, con il patrocinio del Comune di Jesi, propone l’itinerario inedito  “A spasso per le bellezze di Jesi“. Otto le tappe da visitare, ciascuna caratterizzata da particolarità storiche e artistiche: lo studio del Sindaco nella Residenza Municipale, il Palazzo Mancinelli, il Palazzo Franciolini, la Bottega del Liutaio; la Farmacia dell’Ospedale e la relativa collezione di vasi presso la Pinacoteca Civica; il Teatro Pergolesi e le sale pergolesiane con un’esposizione di costumi di scena.

“Il percorso della maratone jesina è incentrata sull’esperienza del pittore settecentesco Felice Giani a Jesi – spiega il coordinatore Luca Tombari – in città ha eseguito infatti vasti cicli di decorazioni ad affresco sia nei palazzi delle famiglie più prestigiose dell’epoca (Franciolini, Mancinelli e attuale residenza municipale) che nel Teatro Pergolesi, dove ha realizzato il plafone”.

Segnala invece la necessità di un veloce recupero la tappa alla Farmacia dell’Ospedale: “Chiusa da ben tre anni, la struttura è in stato di abbandono e degrado, dopo il trasferimento della Farmacia Comunale – spiega Augusta Vecchi, tesoriere e volontaria FAI Jesi e Vallesina – Gli ambienti della Farmacia, così come l’intero edificio, risalgono al ‘700 e sono completamente tappezzati da una scaffalatura lignea, di noce scurito, nella sala di vendita e rappresentanza, di abete, nell’attigua stanza delle scatole. Le maioliche della vecchia Farmacia settecentesca – le restanti 204 delle 293 originarie – sono ora custodite presso la Pinacoteca civica”.

Un’iniziativa ben accolta dall’Amministrazione comunale di Jesi che si definisce, tramite le parole dell’assessore alla Cultura Luca Butini  “ricettiva alle proposte di associazioni consolidate e propositive come il FAI, con cui condividere obiettivi e interessi”.

I luoghi saranno aperti dalle 10.30 alle 16 con orario continuato, ad eccezione dello studio del Sindaco (dalle 12), della Pinacoteca (dalle 14) e del Teatro (dalle 16 alle 17).

A chiusura di giornata, alle 17, in teatro, si terrà un concerto eseguito dal “triolennon” con gli strumenti del liutaio Quagliani. Il concerto sarà gratuito per tutti i “maratoneti” e a contributo libero per i non partecipanti alla “passeggiata”.

E’ possibile iscriversi  al FAIMarathon direttamente il giorno dell’evento dalle ore 10.30 alle ore 11.30 presso il punto di accoglienza FAI situato sotto il loggiato di Palazzo Magagnini (in piazza della repubblica) oppure fino a sabato 12 presso l’Ufficio Turismo del Comune o direttamente on line al sito del FAI.

La partecipazione alla maratona comporta il versamento di un contributo di 6 euro. I partecipanti, durante la passeggiata, saranno provvisti di schede informative e potranno disporre, in ciascun luogo, di una guida che li accompagnerà nella visita.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*