Falconara, ampliamento del Lidl e nuova rotatoria | Password Magazine
Festival Pergolesi

Falconara, ampliamento del Lidl e nuova rotatoria

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

FALCONARA MARITTIMA – Il Consiglio comunale dice sì al progetto di ampliamento del supermercato Lidl di via Marconi, che ha proposto di realizzare un capannone più grande nel quartiere di Case Unrra e contestualmente una nuova rotatoria per razionalizzare la viabilità, in modo da renderla più sicura anche grazie a un rallentamento della velocità. Nella seduta di giovedì 6 agosto l’assise civica ha infatti approvato a maggioranza il cambio di destinazione d’uso degli immobili Simonetti, in via Marconi di fronte al Mc Donald’s, che saranno in parte demoliti e in parte ampliati per ospitare il supermercato e una galleria commerciale. La demolizione di un altro manufatto permetterà la realizzazione della rotatoria.

«Il progetto – ha spiegato in Consiglio l’assessore all’Urbanistica Clemente Rossi – prevede un ampio, globale e radicale intervento finalizzato alla ridefinizione completa dell’edificato, con la limitazione di 2.500 metri quadri di superficie di vendita complessiva, così come prevedono le norme che regolano le medie strutture commerciali». L’assessore Rossi ha ripercorso le tappe che hanno portato a concordare la realizzazione della nuova rotatoria: negli incontri con il privato, l’amministrazione ha subito sottolineato la necessità di canalizzare e migliorare il flusso veicolare lungo via Marconi e di raggiungere il più alto livello di sicurezza possibile, dato che la strada è una delle più critiche ed è stata teatro di ripetuti incidenti, spesso gravi, anche mortali.

«In qualità di assessore all’Urbanistica e al Commercio – ha ricordato Rossi – insieme al collega Romolo Cipolletti, assessore alla viabilità, ho insistito affinché venissero realizzate opere di messa in sicurezza della circolazione, tanto negli incontri tecnici, quanto in Conferenza dei Servizi. E’ stata condivisa l’idea della rotatoria e di uno spartitraffico che consentisse l’accesso controllato alle attività commerciali e ai servizi che si aprono lungo la strada. L’investimento privato è così diventato l’opportunità per un netto miglioramento della sicurezza stradale, della fluidità del traffico, della situazione ambientale per i cittadini, compresi i residenti e di più facili ed idonei accessi agli esercizi della zona».

L’assessore all’Urbanistica ha ricordato che il proponente del progetto è tenuto a versare nelle casse comunali, oltre agli ordinari oneri di urbanizzazione e di costruzione, anche un contributo straordinario in diretta conseguenza dell’accresciuto valore di trasformazione, che i tecnici hanno stimato in circa 134mila euro.

«Tutte somme da investire, nell’ambito del progetto, nel miglioramento della medesima area cittadina in cui insiste l’opera – ha concluso l’assessore Clemente Rossi -. Il Comune si farà carico di altri interventi nell’immediato futuro, per migliorare sicurezza e vivibilità ambientale, considerando le residenze del quartiere, gli esercizi commerciali presenti e i servizi presenti, senza far menzione degli impianti sportivi più importanti della città e i parchi pubblici che impongono sempre una grande cura e attenzione. Quest’opera rappresenterà in sostanza l’avvio di una sistemazione più razionale e moderna dell’intera zona, a beneficio della collettività tutta».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.