Falconara, il sindaco depone le corone anche in omaggio alle vittime del Covid | Password Magazine
Festival Pergolesi

Falconara, il sindaco depone le corone anche in omaggio alle vittime del Covid

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

FALCONARA MARITTIMA – «Tutti noi siamo chiamati a ricordarci qual è il nostro dovere e nessuno si senta escluso da questo impegno: se tutti faremo la nostra parte seguendo la strada maestra della Costituzione raggiungeremo quel mondo di dignità, eguaglianza e solidarietà che essa ci indica». Con queste parole e con un minuto di silenzio in ricordo delle vittime della pandemia e delle loro famiglie, il sindaco Stefania Signorini ha concluso ieri il discorso per le celebrazioni della Festa della Repubblica, cominciate a Palazzo Bianchi alle 10.30 e concluse in piazza 2 Giugno, a Castelferretti, con la deposizione di corone alla targa dedicata ai Caduti sul lavoro e al monumento alla Libertà. Quest’anno il 74esimo anniversario della Repubblica, come accaduto per il 25 aprile, è stato festeggiato senza il pubblico «ma proprio l’emergenza vissuta dagli italiani – ha sottolineato il sindaco – impone che la celebrazione si trasformi in un grande, simbolico momento di unità nazionale». Alla cerimonia hanno partecipato i rappresentanti locali della Guardia di Finanza, dei carabinieri, della polizia locale e della Capitaneria di Porto, oltre a quelli delle associazioni combattentistiche e d’arma. «Questa giornata ci ricorda valori come la libertà riconquistata con grandi sacrifici – ha proseguito il primo cittadino – l’uguaglianza e l’impegno civile. Oggi l’impegno civile ci impone di vivere con responsabilità e rispetto dell’altro questa fase della pandemia, per evitare di perdere quelle libertà ritrovate dopo due mesi di grandi sacrifici. Per questo la cerimonia di oggi si celebra senza pubblico, in attesa di ritrovare un’unità anche fisica una volta superata definitivamente l’emergenza. In questo giorno il mio pensiero va a tutti noi italiani e in particolare ai medici, agli operatori sanitari, alle famiglie delle vittime di questa malattia che con prepotenza si è insinuata nella nostra vita, travolgendo le nostre abitudini con gravi ripercussioni sull’equilibrio socio-economico del nostro paese». Il sindaco ha ringraziato tutti i cittadini, i volontari, la Protezione civile e le forze dell’ordine che hanno dedicato il loro lavoro e il loro sacrificio per la sicurezza della comunità. «Nel giorno della celebrazione del 2 giugno la corona d’alloro viene deposta come doveroso omaggio a tutti coloro che, nelle varie epoche e anche nei nostri giorni, hanno donato la propria vita per garantire a noi tutti un Paese libero e democratico. Oggi depongo questa corona a ricordo della più grave emergenza sanitaria vissuta in Italia dal dopoguerra, un omaggio a tutti coloro che hanno perso questa battaglia e a tutti gli Italiani che dovranno ancora una volta ‘ricostruire’ la propria vita».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.