Federico II e il sisma, il progetto che coniuga cultura e sociale

La tavola rotonda cui hanno preso parte anche la Fondazione Federico II e i sindaci di Waiblingen e Mayenne

JESI – Fu lo Stupor Mundi, lo stupore del mondo per i suoi contemporanei. E continua ad esserlo. Federico II è il protagonista di una importante iniziativa, ideata dal Comune di Jesi, con il sostengo della Regione Marche ed in collaborazione con la Fondazione intitolata allo svevo, che sta prendendo l’avvio. “Federico II e le Marche nel Medioevo, percorsi svevi tra i comuni del sisma” è un singolare progetto, volto a promuovere il territorio, non solo quello jesino, con un occhio di riguardo alle realtà colpite dal terremoto del 2016.

Vi partecipano, ovviamente, alcuni comuni del cosiddetto “cratere”, ma hanno deciso di dare un fattivo apporto anche realtà quali l’università politecnica delle Marche. Lo scorso 14 dicembre, l’iniziativa è stata presentata nell’ambito di una tavola rotonda, intitolata Federico II mito-motore per cultura e turismo, organizzata presso la sala consiliare del Comune di Jesi, alla presenza del primo cittadino Massimo Bacci, del vicesindaco e assessore alla Cultura Luca Butini e di diversi sindaci tra quelli aderenti al progetto, nonché quelli delle città gemellate di Mayenne e Waiblingen. Cultura e solidarietà alleate, in funzione di un rilancio del territorio, da sviluppare secondo una molteplicità di iniziative: una ricetta che ha intercettato anche altri centri federiciani, come Melfi e Termoli e, più a nord, Rimini. Oltre a quelli più direttamente interessati dal sisma come, giusto per citarne alcuni, Acquaviva, Pieve Torina e Sarnano.

I dettagli del progetto sono stati dati dalla vicepresidente e direttrice del Centro Studi della Fondazione Federico II Franca Tacconi, che ha poi accompagnato gli ospiti, insieme al presidente Paolo Mariani, a visitare il museo Stupor Mundi di Jesi e la mostra dedicata al concorso di idee per la realizzazione del logo Jesi città regia, allestita nel medesimo museo. Da segnalare anche la partecipazione dell’imprenditore Gennaro Pieralisi, ideatore e padre del museo di recente passato sotto l’egida del Comune. La vita di Federico fu segnata dalla contraddizione, diviso tra quanti lo celebrarono, esaltandone la cultura e le doti diplomatiche e quanti, invece, lo avversarono, a partire da papa Gregorio IX, che lo additò persino come l’anticristo.  Forse però, sta proprio in tale complessità della sua figura, così difficilmente etichettabile, parte non secondaria di quel fascino che lo rese e lo rende tuttora una personalità tanto attraente, nonché moderna.

A cura di Marco Torcoletti

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.