Fencing Academy Marche, centinaia di atleti da 19 paesi. Solidarietà e donazioni a favore dei terremotati | | Password Magazine
Festival Pergolesi  

Fencing Academy Marche, centinaia di atleti da 19 paesi. Solidarietà e donazioni a favore dei terremotati

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – “Restiamo uniti. Anche i camp della scherma sono con voi”. Sono le parole di Elisa Di Francisca, la campionessa olimpica made in Jesi, che ha rivolto parole di solidarietà e di vicinanza alle popolazioni colpite dal sisma del 24 agosto.

Giovedì scorso, in occasione dell’inaugurazione della fiancata dell’autobus delle autolinee Crognaletti, su cui campeggia la sua immagine vincente con l’argento di Rio, la campionessa ha ribadito l’importanza di darsi una mano l’uno con l’altro, perché nessuno è immune a disastri simili.

L’autobus d’argento è solo l’ultimo di una serie di tre: il primo le fu dedicato sempre dalla Crognaletti nel 2011 pochi mesi dopo la strepitosa vittoria dei mondiali di fioretto a Parigi e il secondo, ad appena un anno di distanza, dopo il fantastico oro individuale e oro a squadre vinti alle olimpiadi di Londra del 2012, con due gigantografie dell’azzurra che stringeva le medaglie e dello storico abbraccio con l’allora commissario tecnico della nazionale Stefano Cerioni, anch’egli campione olimpico uscito dalla scuola del Club Scherma Jesi.

Alla presentazione dell’autobus, Daniele Crognaletti, amministratore del gruppo e dell’agenzia di viaggio Esitur, ha dato la notizia della raccolta di donazioni spontanee partita all’interno del Fencing Academy Marche, il camp di scherma che questa settimana si è svolto al PalaTriccoli di Jesi, coinvolgendo oltre cento atleti provenienti da 19 paesi.  Anche Elisa Di Francisca farà una donazione spontanea alla causa, così come dichiarato sui social: “Sono nella mia Jesi e non posso che essere vicina con il cuore alle popolazioni del centro Italia terribilmente colpite dal terremoto di questa notte – sono le sue parole – Ho deciso quindi di devolvere una mia somma alle zone terremotate. Solo UNITI possiamo farcela!!!! “.

INAUGURAZIONE DELL’AUTOBUS CROGNALETTI

Non c’è due senza tre recita un noto adagio popolare e il proverbio vale soprattutto per la nostra campionessa di scherma, Elisa Di Francisca. La sua immagine vincente, con la medaglia d’argento conquistata alle olimpiadi di Rio De Janeiro, campeggierà ancora una volta sulla fiancata di un autobus delle autolinee Crognaletti di Jesi, insieme allo slogan divenuto quasi un grido di battaglia “Jesi muntobe”, a ribadire con orgoglio le origini e il legame di Elisa con la sua città. L’autobus d’argento è solo l’ultimo di una serie di tre: il primo le fu dedicato sempre dalla Crognaletti nel 2011 pochi mesi dopo la strepitosa vittoria dei mondiali di fioretto a Parigi e il secondo, ad appena un anno di distanza, dopo il fantastico oro individuale e oro a squadre vinti alle olimpiadi di Londra del 2012, con due gigantografie dell’azzurra che stringeva le medaglie e dello storico abbraccio con l’allora commissario tecnico della nazionale Stefano Cerioni, anch’egli campione olimpico uscito dalla scuola del Club Scherma Jesi. “Una medaglia conquistata con sofferenza ma nella vita si vince e si perde – ha commentato così l’argento la Campionessa – Più di tutti però, con questa vittoria ho conquistato me stessa. Grazie alla città di Jesi e ad Esitur per questo autobus”.

 

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.