Fermato il presunto rapinatore seriale, è un marocchino di 31 anni

JESI – Fermato ieri dalla Polizia un marocchino autore di numerosi reati contro il patrimonio e che potrebbe essere confermato come il rapinatore seriale.

Come già riportato in un’altra notizia, nella mattinata di mercoledì una donna di 61 anni di origine russe, deambulante solo grazie a specifici ausili, è stata aggredita scippata della propria borsetta in via Mura Occidentali nei pressi dell’ufficio anagrafe. Una borsetta contenente tra l’altro la somma di 1400 euro appena prelevate dalle Poste Italiane presso la sede centrale di Jesi.

Il contante costituente salario dell’attività svolta dalla badante, doveva servire alla persona offesa per le cure ortopediche e per il rientro nel paese di origine.

L’aggressore, notato durante la fuga a piedi da diversi testimoni, è fuggito prima a piedi poi a bordo di un’autovettura di colore blu facendo perdere le proprie tracce. La borsetta asportata veniva rinvenuta nel corso della stessa mattinata in via Sanzio all’altezza dell’Istituto professionale industriale.

È stato attivato nell’immediatezza anche il protocollo di intervento disposto dalla questura di Ancona per i casi di specie. La conseguente attività info investigativa che si concentrava tra l’altro sull’acquisizione di filmati di telecamere presenti nella zona, permetteva di focalizzare l’attività su un giovane di circa 30 anni, di carnagione olivastra del quale stata fornita di accertata una precisa descrizione fisiosomatica e di abbigliamento (occhiali da sole, giacca rossa, pantaloni verdi). I sospetti si concentravano anche alla luce di altri reati contro il patrimonio verificatesi in Jesi negli ultimi tempi e che vedevano come persone offese anziani e donne su un giovane magrebino con pendenze giudiziarie anche per reati contro il patrimonio e domiciliato a Santa Maria Nuova.

Nel pomeriggio di ieri gli agenti del Commissariato di polizia di stato di Jesi e della Questura di Ancona hanno proceduto alla perquisizione dell’abitazione del sospettato trovato al suo interno.

La corrispondenza perfettamente sovrapponete tra il soggetto è l’immagine dell’aggressore ripresa nei minuti antecedenti e successivi lo scippo hanno confermato l’intuizione degli agenti. All’interno dell’abitazione sono stati rinvenuti e sequestrati oggetti, tutti gli indumenti gli occhiali indossati al momento della commissione del reato nonché due banconote da €50 di serie sequenziale nascoste sotto il materasso della camera da letto. Nel piazzale retrostante l’abitazione è stata rinvenuta e sequestrata l’auto utilizzata da sospettato per la fuga dopo la commissione dell’evento criminoso. Attese le risultanze emergenti anche relative al pericolo concreto di fuga, i poliziotti hanno sottoposto B.A. di 31 anni di origine marocchina ,privo di titolo di permanenza sul territorio nazionale già indagato per reati contro il patrimonio a fermo di polizia giudiziaria. Successivamente l’extracomunitario è stato associato presso la Casa Circondariale di Ancona di Monteacuto a disposizione dell’autorità giudiziaria.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*