Festa a La Fornace per la cerimonia di chiusura dell’Università degli adulti

MOIE – Grande partecipazione di pubblico ieri (domenica 9 giugno) alla biblioteca La Fornace di Moie per la cerimonia di chiusura dell’anno accademico dell’Università degli adulti della Media Vallesina. Una festa anche colorata, quella che si è aperta con i saluti del vice presidente dell’Unione dei Comuni della Media Vallesina Sandro Barcaglioni, del sindaco di Maiolati Spontini Tiziano Consoli e del neo assessore del Comune di Castelplanio Nico Consoli, grazie all’opera di copertura all’uncinetto installata sulla balaustra delle scalone, dal piano terra fino all’auditorium della biblioteca. Un’opera, lo yarn-boming, che ha voluto porre l’attenzione sui temi del riciclo, del riuso e dell’impatto ambientale.

L’incontro con i cittadini, gli iscritti e i docenti è servito per fare un bilancio del percorso appena concluso ma anche per anticipare alcuni dei progetti del prossimo anno accademico. Il tema filo conduttore dei corsi che riprenderanno a ottobre è stato, infatti, annunciato dal presidente dell’associazione che gestisce l’ateneo degli adulti Fernando Santacroce. “Abbiamo scelto come argomento guida l’ambiente e in particolare ‘La natura violata’ – ha detto Santacroce – con il sottotitolo ‘Informare e agire, per salvarsi e salvare’. Speriamo che la risposta da parte degli studenti sia positiva come lo è stata quest’anno per il tema delle biografie, delle donne in particolare”. E proprio le donne sono state al centro della relazione finale, tenuta dalla giornalista e critica letteraria Neria De Giovanni, che ha presentato il libro “Diventare donna … che fatica!”, scritto da Anna Maria Vissani, Emilia Salvi e Patrizia Pasquini.

Gli interventi delle autorità, introdotti dalla presentatrice Marina Marozzi, hanno toccato varie tematiche, a partire dall’ambiente. “Mi complimento con il Direttivo per la scelta del tema per il prossimo anno accademico – ha detto Sandro Barcaglioni – perché trovo giusto che si parli di emergenze attuali come quella ambientale. Dobbiamo essere noi genitori e nonni a preparare il terreno per le prossime generazioni. Un’istituzione impegnata e pronta a sollecitare certe riflessioni, come l’Università degli adulti, si conferma un fiore all’occhiello per il territorio e una realtà che avrà sempre il sostegno dell’Unione”.

Ad agganciarsi al tema ambientale è stato anche il sindaco di Maiolati Spontini Tiziano Consoli, che ha affrontato anche la questione discarica. “Questa comunità e questo territorio devono andare d’accordo – ha detto il neo sindaco – e se si vogliono risolvere i problemi, bisogna affrontarli all’interno di un contesto che è la Vallesina. Se un territorio non vuole più la discarica vi posso assicurare che si porterà la discarica alla chiusura. Il progetto che porteremo avanti dovrà essere condiviso”.

L’assessore Nico Consoli ha portato i saluti del sindaco Fabio Badiali e ha sottolineato anche lui la rilevanza del tema ambientale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*