Festa del Libro per Ragazzi 11-19 aprile 2015 | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Festa del Libro per Ragazzi 11-19 aprile 2015

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Dall’11 al 19 aprile Jesi ospita la prima edizione della Festa del Libro per Ragazzi. Incontri con autori, illustratori ed esperti per parlare di libri e di letteratura per i più giovani. Un concorso di idee per le scuole primarie, alla ricerca di un nome per la seconda edizione. Una mostra che ricorda e ripercorre i 50 anni dall’apertura della Biblioteca dei Ragazzi di Jesi.

Due mostre, nove incontri, una ventina di laboratori e un concorso. È un cartellone ricco di appuntamenti quello proposto dalla Festa del Libro per Ragazzi, alla sua prima edizione, in programma a Jesi da sabato 11 a domenica 19 aprile. L’evento, che si svolgerà tra il complesso San Floriano e palazzo Santoni, è stato organizzato dall’associazione culturale La Strada di Achille in collaborazione con la Sezione Ragazzi della Biblioteca Comunale Planettiana, con il sostegno del Comune di Jesi, della Fondazione Pergolesi Spontini e della Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi. Fondamentale è stato anche il contributo offerto dagli sponsor: Banca di Credito Cooperativo di Ostra e Morro d’AlbaGeneraliAllianzEurojuris Italia Studio Legale Associato PentericciPodere Santa LuciaStudio Commercialista Federico GiulianiIl Centro FB.

Conoscenza, formazione e gioco sono i cardini di una manifestazione pensata per tutti coloro che hanno a cuore i bambini, i ragazzi, e sono disposti a farsi carico del loro futuro. La bussola per orientarsi saranno i libri. Libri fatti ad arte, che indagano l’uomo e il mondo, ponendo domande e aprendo lo sguardo a nuovi orizzonti. Con la speranza che, una volta usciti dalla Festa, si abbia la voglia di leggere.

«Migliorare la lettura nelle scuole – auspica l’Assessore alla Cultura del Comune di Jesi Luca Butini – supportando le insegnanti con una proposta anche formativa per leggere meglio e di più. Lo strumento libro, a differenza della televisione, porta con sé il valore della condivisione delle idee e quindi ha una grossa valenza sociale. Non a caso, Jesi 50 anni fa ha creato prima una sezione poi una vera e propria biblioteca, del tutto autonoma, dedicata ai ragazzi. Oggi è giusto ricordare e rendere merito a chi ha avuto quell’idea».

«La promozione dell’educazione e della cultura nel territorio di riferimento – dichiara la Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi – è uno dei nostri scopi istituzionali della. Il Consiglio di Amministrazione della Fondazione ha accolto favorevolmente la richiesta di sostenere questa iniziativa perché convinto che il bene dei nostri ragazzi passa anche attraverso la lettura. La lettura è  un cammino che fa crescere, fatto di novità: nella lettura si scopre con stupore la bellezza del mondo.  Leggere promuove la consapevolezza di sé, dei propri bisogni e desideri ma è anche  indispensabile premessa alla conoscenza degli altri. Attraverso la lettura i ragazzi hanno modo di scoprire se stessi e il mondo così di poter maturare in responsabilità e libertà. Il nostro contributo rappresenta un Grazie agli organizzatori che cercano di realizzare tutto questo».

«Leggere, per un bambino, è un po’ come andare a teatro – sostiene William Graziosi, amministratore delegato della Fondazione Pergolesi Spontini -. Davanti a lui si schiudono altri mondi, prospettive fantastiche, impensati orizzonti. La curiosità cresce, si moltiplicano le domande e si mostrano nuovi punti di vista. Operando da tanti anni nel settore dell’educazione teatrale per nuove generazioni di spettatori, siamo convinti che i bambini di oggi hanno sempre più bisogno di assaporare la bellezza di un gesto lento, come sognare, perdersi tra le pagine di un libro, guardare uno spettacolo. E dietro la spinta di questa missione educativa abbiamo accettato con piacere di collaborare alla Festa del Libro per ragazzi, nell’auspicio che divenga nel tempo un appuntamento fisso ed una palestra di civiltà».

«Lo Studio Legale Pentericci – afferma l’Avv. Francesca Pentericci – ha ritenuto di dare una piccola sponsorizzazione all’iniziativa perché ritiene importante stimolare la lettura dei libri ai bambini e ai ragazzi, con la partecipazione anche dei grandi. La lettura di un libro, spesso, viene ritenuta superata dalle nuove tecniche del conoscere. Non è così. Chi ha visitato, o visiterà, la mostra del libro per ragazzi che si svolge annualmente a Bologna si rende conto di come un libro non possa essere in alcun modo sostituito da altri strumenti di conoscenza. C’è da augurarsi che la Festa, alla sua prima edizione, riscuota un grande successo affinché possa ripetersi, più potenziata, negli anni futuri».

Gli incontri

Si comincia sabato 11 (ore 16.30 Teatro Moriconi) con “Perché leggere le figure. Albi illustrati e lettura”, incontro conl’esperta Ilaria Tontardini sull’importanza della figura e il suo potenziale narrativo. Domenica 12 (ore 17.30 Teatro Moriconi) si prosegue con l’esperienza della casa editrice milanese Topipittori raccontata da Giovanna Zoboli, una testimonianza sulla passione per il libro illustrato come strumento educativo e cognitivo. Lunedì 13 (ore 17.30 Teatro Moriconi) è la volta dello scrittore Cristiano Cavina e della sua “Breve storia di come sono diventato un lettore”, una storia di iniziazione che si snoda attraverso le vie impreviste dei libri. Martedì 14 a Palazzo Santoni (ore 17.30) l’autrice diOrso buco (Editrice Minibombo) Nicola Grossi incontra i lettori per spiegare “Quale forma ha la fantasia” e come nasce un albo fatto solo di linee e colori. Il giorno dopo, nella stessa sede (ore 17.30), Silvia Borando e Lorenzo Clerici diMinibombo parlano del lavoro di una casa editrice, di come si pensa, si progetta e si crea un libro per bambini. Giovedì 16 (ore 17.30 Teatro Moriconi) è in programma l’intervento della responsabile della Biblioteca Salaborsa Ragazzi di Bologna,Nicoletta Gramantieri, protagonista di una relazione dal titolo “Narrazioni, narratori e lettori”, incentrata sull’importanza della lettura e sulla costruzione delle competenze necessarie a provare il piacere di leggere. Venerdì 17 palazzo Santoni (ore 17.30) accoglie le storie di due illustratori, Claudia Palmarucci e Michele Rocchetti, un confronto aperto su “Alludere, dire, non dire con le immagini”, tra affinità, divergenze e gastronomie artistiche. Sabato 18 (ore 17.30 Teatro Moriconi) lo scrittore Christian Raimo chiude il ciclo di incontri con “Come promuovere la lettura oggi in Italia”, riflessione sul tema dell’educazione culturale. Domenica 19, animano l’ultimo giorno di Festa due iniziative all’insegna del divertimento e dell’apprendimento. A partire dalle 15 l’agenzia interstiziale Jes! e gli ideatori di Cip cerca.inquadra.pensa, la macchina facilitatrice di immaginazione, propongono un originale tour alla scoperta del centro storico jesino (Costo 3 euro e prenotazione obbligatoria: cip@jesplease.it – 328 0650173). E dalle 15 alle 19 piazza Federico II fa da sfondo a una colorata lettura collettiva dedicata a tutte le famiglie, invitate a portare tappeti, cuscini e i propri libri preferiti (In caso di pioggia l’evento si terrà a Palazzo Santoni, in vicolo Ripanti 5. Per informazioni e prenotazioni: 320 0803813).

 

I laboratori

Da lunedì 13 a giovedì 16, e venerdì 17 aprile (ore 18), il Complesso San Floriano ospita “Di tutti i colori”, laboratorio rivolto alle scuole dell’infanzia tenuto da Nicola Grossi, Silvia Borando e Lorenzo Clerici della casa editrice Minibombo. Da lunedì 13 a giovedì 16 aprile (ore 18), sempre al Complesso San Floriano, Claudia Palmarucci e Michele Rocchetti conducono un altro laboratorio, “I musicati  di Brema”, dedicato alle scuole primarie.

Le mostre

Due esposizioni aperte al pubblico fino al 24 aprile all’interno del complesso San Floriano: “La biblioteca dei piccoli diventa grande”, che ripercorre i 50 anni della Biblioteca dei Ragazzi con un allestimento firmato La Muuf e i manifesti di Ezio Bartocci“Ad occhi aperti”, dedicata all’albo illustrato, a cura dell’associazione culturale Hamelin di Bologna.

Il concorso

La Festa del Libro per Ragazzi cerca un nome per l’edizione 2016. Per trovarlo chiede aiuto ai bambini delle scuole primarie cittadine, alla forza della loro immaginazione. Gli alunni potranno dare sfogo alla loro fantasia e scrivere nelle cartoline recapitate ai quattro istituti quello che pensano sia il nome più adatto. Il vincitore, scelto tra le schede raccolte in base alla selezione di una giuria composta da membri dell’organizzazione della Festa, verrà annunciato a settembre 2015 e la sua classe riceverà in premio una fornitura di libri.

La Festa del Libro per Ragazzi sarà presente anche sui canali social con l’hashtag #FestaLibroRagazzi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.