Festa della Donna, presentato il calendario di iniziative | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Festa della Donna, presentato il calendario di iniziative

JESI – E’ stato presentato ieri il calendario di iniziative previste in occasione della Festa della Donna (domenica 8 marzo). Un ciclo di incontri che dal 28 febbraio si prolungheranno fino al 1° di aprile, grazie all’intesa tra Comune di Jesi e gruppo Coordinamento Donne, IOM Jesi e Vallesina, Casa delle Donne, Casa delle Culture, Spazio Ostello, associazione “Quelle che le donne non dicono”, Spettacoli a domicilio, Panathlon e Coop Adriatica.

“Una sinergia importante che ha permesso di unire forze ed energie –  fa sapere l’assessore elle Pari Opportunità Marisa Campanelli – Il risultato è stato un ventaglio di iniziative piuttosto variegato che pone l’accento sul mondo femminile e le sue problematiche, spaziando dalla salute alla tutela contro le forme di violenza”.

Si inizia oggi alla Coop di Jesi, presso la Sala eventi sociali, dove in occasione dell’apertura del mercatino biologico dell’associazione Biologiche Marche, sarà aperto, fino a domenica prossima, lo Sportello Anti violenza della Casa delle Donne di Jesi. Alle 17,30, le letture animate “Di Pari passo” intratterranno i più piccoli, seguite da una sana merenda biologica. Sempre alla Coop, sono previsti altri due appuntamenti: il 5 marzo, il Gruppo culturale “Quello che le donne non dicono” organizza e promuove l’incontro con le scrittrici Laura Mool Molinelli e Nadia Diotallevi mentre il 6 marzo il dibattito affronterà il tema “Donne e Lavoro” e vedrà il coinvolgimento del Comune, delle associazioni preposte e sindacati. All’interno del centro commerciale, il gruppo “Spettacoli a domicilio” chiuderà il programma di iniziative con un blitz teatrale alle ore 10 di sabato 7 marzo, trattando storie di donne maltrattate, seguito da un flash mob.

Riguarderà invece il tema della prevenzione contro il tumore al seno, la mostra fotografica “Pink project”  di Francesca Tilio, in collaborazione con lo IOM di Jesi. La fotografa jesina lancia un messaggio di speranza per chi lotta contro la malattia: la parrucca rosa diventa il simbolo della femminilità, dapprima devastata dal cancro dal cancro e poi ritrovata, grazie ad un oggetto di vanità che, nella sua semplicità,  può donare colore alla vita. La mostra sarà esposta nella Chiesa di San Nicolò dal 6 all’8 marzo.

Il Palazzo dei Convegni sarà teatro di altre iniziative che traghetteranno l’attenzione sul tema della donna fino ad aprire. Sabato 14 aprile alle ore 18.00 andrà in scena “Di fatto Teresa”, lo spettacolo teatrale ispirato a Teresa Mattei, una delle prime donne a diventare parlamentare nella storia politica italiana, che suggerì per prima l’uso della mimosa per l’8 marzo, un fiore semplice e diffuso nelle campagne. Il 27 marzo, alle ore 16.30, si svolgerà il seminario con Graziella Priulla e Pina Ferraro Fazio “Le radici culturali della violenza di genere”: alle pareti, le fotografie della mostra “L’emancipazione femminile attraverso i giochi olimpici”, voluta da Panathlon e che sarà inaugurata ufficialmente il giorno successivo (28 marzo) per poi restare aperta al pubblico fino al 1° di aprile.

A cura di: Chiara Cascio

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.