Festa della Repubblica insieme ai neo diciottenni | | Password Magazine

Festa della Repubblica insieme ai neo diciottenni

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Dopo quella ufficiale, in piazza Indipendenza con la deposizione di una corona al monumento dei caduti, la ricorrenza della Festa della Repubblica ha offerto il suo momento green, quello riservato, cioè,  ai neo diciottenni al teatro studio “Valeria Moriconi”.

La mattinata era iniziata alle 10.30 quando, presenti le autorità civili e militari e dopo il silenzio intonato dal maestro David Uncini, il sindaco Massimo Bacci, davanti alla sede comunale, ha ricordato di aver “iniziato il mandato proprio con questa cerimonia, nel 2012, e con la stessa termino la mia consiliatura. Ci tengo particolarmente a questa occasione, anche per ricordare quanti hanno pagato con la loro vita la propria scelta di servire la Repubblica”.

Il primo cittadino ha sottolineato anche come “il pensiero va ai grandi servitori dello Stato, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, assassinati 25 anni fa. Loro non sono scesi a patti, hanno fatto una scelta precisa, ponendo al centro il pubblico interesse. La stella cometa, infatti, di chi è chiamato a incarichi pubblici, deve essere il bene collettivo, la competenza, l’onestà”.

Bacci ha poi, in conclusione, ricordato un grande Sindaco della città, Pacifico Carotti, il quale aveva scritto a suo tempo che “occorre ritorni in auge la scuola del servire. Chi non ha la coscienza pulita si apparti dalla cosa pubblica”.

Quindi, l’incontro al “Moriconi”, per la consegna di una copia della Costituzione agli studenti che in questo 2017 hanno toccato o toccheranno la soglia della maggiore età: e sono 342.

Teatro gremito anche da genitori e parenti. Gli interessati presenti erano un centinaio, composti ed emozionati perché ad uno a uno hanno ricevuto la copia direttamente dalle mani del Sindaco.

“Siete voi il nostro futuro – ha detto Bacci – e a noi serve un supplemento di responsabilità in questi tempi di grandi contrasti e di difficoltà diffusa, occorre dare l’esempio con comportamenti coerenti”.

E a ricordato le parole del presidente americano John F. Kennedy: “Non chiedete che cosa il vostro Paese può fare per voi, ma che cosa potete fare voi per il vostro Paese”.

Momento particolarmente toccante la lettura, da parte di Maria Grazia Tiberi, di una lettera aperta scritta dal magistrato Roberto Scarpinato  in occasione del ventennale della strage di via D’Amelio – avvenuta il 19 luglio 1992 – nella quale persero la vita Paolo Borsellino e cinque agenti della scorta.

Alla fine tutti intorno al Sindaco, per la foto di rito e per cantare tutti insieme l’Inno di Mameli.

Pino Nardella

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.