Festa della Visciola, una statua di Bacco alle porte di San Paolo

SAN PAOLO DI JESI  – Un’enorme statua di Bacco in cartapesta sistemata alle porte del paese, visciole giganti che scendono dai balconi e dalle mura medievali, il carro dei “Viscioli del fuoco” pronto a spegnere con il vino del prezioso frutto il fuoco dell’entusiasmo e del divertimento. Il piccolo centro collinare di San Paolo di Jesi è pronto ad accogliere anche quest’anno migliaia di visitatori per la “Festa del vi’ de Visciola”, in programma da venerdì 17 a domenica 19 ottobre. Sono un centinaio le persone coinvolge nell’organizzazione dell’evento, dalle cuoche, che stanno lavorando al menù tutto (o quasi) a base di visciole, ai volontari, impegnati a trasformare le cantine in taverne e ad allestire vie e piazzette del centro storico.

La tre giorni organizzata dalla Pro Loco San Paolo di Jesi, con il patrocinio del Comune, è diventata una delle manifestazioni enogastronomiche più attese della regione, che si carica anche di valenze e significati particolari. Da quest’anno, la Festa del vino di visciola ospita anche la “Cavata delle zitelle”, che viene anticipata dall’8 dicembre, come era tradizione da sempre, a domenica 19 ottobre, la giornata di chiusura della festa. Non ci sarà solo l’imbossolamento, cioè l’inserimento in un’urna dei nomi delle giovani non ancora sposate del paese fra cui sorteggiare le destinatarie delle due doti in denaro, come previsto nel testamento del Settecento di don Antonio Agabiti, ma anche il rito dell’estrazione a sorte, detto appunto “cavata”.

Quella del vino di visciola, inoltre, è una festa unica in Italia, che celebra l’altra eccellenza del territorio della Vallesina oltre al Verdicchio dei Castelli di Jesi. Un vino importante per l’economia del territorio, che ha ottenuto il riconoscimento di “prodotto tradizionale” delle Marche, con un suo specifico disciplinare che attinge alla storia produttiva locale. È un nettare che si utilizza prevalentemente per accompagnare i dolci ma anche come bevanda da meditazione.

La festa che si apre venerdì a San Paolo di Jesi propone un ricco calendario di appuntamenti, tutti a ingresso libero, fra cui mercatini, concerti e spettacoli musicali. Si parte alle ore 19 di venerdì 17 ottobre con la musica del complessi rock “Gli Scordati” e “Radio babylon”. Sabato 18 ottobre ancora rock con “Jolebalalla”. Il momento clou della serata sarà il concerto della cover band di Rino Gaetano, i “Vili Maschi”. Chiuderanno i “Kurnalcool”. Nel pomeriggio di sabato, alle ore 17, nella Sala consiliare del Comune, si terrà un convegno dal titolo “Adottare una visciola per far crescere un’educazione”. Sarà presentato un progetto realizzato in collaborazione con le scuole, che ha visto i bambini del paese “adottare” una pianta di visciola. Parte di quelle acquistate l’anno scorso dalla Pro loco, circa duecento, e subito piantumate, vengono affidate ai bambini del posto. Chiamati, in un certo senso, a tenere fede a quel legame con la terra e con i suoi frutti che è una delle ricchezze di questo territorio.

La giornata di domenica 19 ottobre si aprirà alle 16 con la sfilata delle zitelle, la gara di pigiatura e la Cavata delle zitelle. La musica, fino a notte inoltrata, sarà quella folk dei “Traballo”, e quella commerciale italiana dei “Divieto di sosta”. Presenta il comico Angelo Carestia.

Per tutta la durata della manifestazione funzionerà un servizio gratuito di bus navetta.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*