Festa di chiusura campagna per la candidata al Senato Silvia Gregori (Lega)

Giuliano Pazzaglini e Silvia Gregori

JESI – Festa di fine campagna elettorale ieri pomeriggio al Caffè Imperiale per Silvia Gregori, consigliera comunale della Lega a Jesi e candidata al Senato per Salvini Premier. All’evento, i sostenitori, i simpatizzanti e gli amici della grintosa Gregori che, dopo aver affrontato lo scorso anno la sfida politica delle Amministrative come candidata sindaco, è di nuovo in corsa ma stavolta per il Parlamento. Ad affiancarla, come di consuetudine durante questa campagna, anche il sindaco di Visso e candidato al Senato Giuliano Pazzaglini. Negli ultimi mesi i due hanno incontrato i cittadini attraverso un tour che si è addentrato anche in Vallesina, portando il programma della Lega anche a Chiaravalle e a Moie.

Per il brindisi di in bocca al lupo! sono arrivati infine anche il sindaco Massimo Bacci e alcuni consiglieri comunali, giusto in tempo usciti dalla commissione in Comune per fare gli auguri alla consigliera davanti ad un calice.

«A pochi giorni dalle elezioni, avanti tutta! – è l’appello al voto di Gregori, all’indomani della festa – Abbiamo finalmente l’opportunità di cambiare il nostro Paese, di poterlo ricostruire, di restituire un futuro a noi e alle nuove generazioni. Mi piacerebbe poter andare con il sorriso e una stretta di mano da chi è rimasto deluso dalla politica: non sono un grande nome della politica ma una persona comune che mette cuore e passione per cambiare ciò che non funziona. Ciò che vorrei ora è realizzare un futuro migliore per la città, per la nostra Regione e i nostri giovani».

E aggiunge: «In ogni partito esistono persone che in qualche maniera hanno segnato negativamente con le loro azioni l’intero gruppo: anche all’interno del Movimento Cinque Stelle stanno avvenendo delle eliminazioni per questi motivi.  Io mi propongo come una persona nuova, pulita che vuole cambiare questo modo di fare politica attraverso un approccio serio, corretto e alla portata di tutti coloro che sognano un domani migliore».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*