Festa per il taglio del nastro della scuola d'infanzia "Rodari" | Password Magazine
Festival Pergolesi

Festa per il taglio del nastro della scuola d’infanzia “Rodari”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MOIE – Canti, musiche e colori, quelli caldi e festosi dell’edificio rinnovato, per l’inaugurazione della scuola dell’infanzia “Gianni Rodari” dopo i lavori realizzati dall’Amministrazione comunale di Maiolati Spontini.

Una cerimonia, quella che si è svolta questa mattina (sabato 29 marzo) nella struttura di via Torino, a Moie, che ha avuto come protagonisti alunni, genitori e insegnanti. Tante le autorità presenti, dal sindaco Giancarlo Carbini con la giunta comunale, ai rappresentanti del mondo della scuola e delle forze dell’ordine. Sono intervenuti, fra gli altri, il dirigente scolastico Nicola Brunetti, l’onorevole Emanuele Lodolini, il commissario della Provincia di Ancona Patrizia Casagrande, i consiglieri regionali Fabio Badiali, Raffaele Bucciarelli e Enzo Giancarli, l’ispettrice dell’ufficio scolastico provinciale Isolina Marcelli, il presidente dell’Anci Marche Maurizio Mangialardi, i progettisti Franco Luminari, Gabriele Tittarelli, Loris Solidoro e Sergio Pasquinelli, i titolari dell’agenzia Ma:design di Pesaro, che ha curato la segnaletica e la comunicazione del progetto MICS, Monica Zaffini e Massimiliano Patrignani, il Consiglio comunale dei ragazzi e il mini sindaco Giulia Nisi. Presenti anche i rappresentanti della GPL costruzioni generali di Ancona, la ditta che ha vinto l’appalto, e i Giardini della Valle, società di Montecarotto che si è occupata della sistemazione del giardino.

A curare gli intermezzi musicali, l’Orchestra Istituto “Carlo Urbani” che ha eseguito gli inni delle Marche, dell’Europa e quello italiano. Uno dei sottofondi musicali della cerimonia è stata la canzone musicata da Sergio Endrigo, su testo di Gianni Rodari, “Per fare un albero”, visto che la scritta “Per fare tutto ci vuole un fi-o-re” è stata scelta come saluto per i bambini nella facciata della scuola.

Il sindaco Giancarlo Carbini ha sottolineato l’importanza della collaborazione di tutti per il raggiungimento del risultato della consegna alla comunità di un’altra struttura scolastica d’eccellenza, dall’apparato comunale a tutta la struttura della scuola. “La migliore gratificazione – osserva il sindaco Carbini – per tutto il lavoro, l’impegno, i sacrifici è stato vedere la soddisfazione, la meraviglia e la gioia dei bambini per la nuova struttura”.

Anche la struttura di via Torino, al civico 7, entra a pieno titolo nel progetto MICS, Moie di Maiolati Spontini, Istruzione, Cultura, Sport. Il progetto più ambizioso e qualificante della Giunta Carbini. Un piano, unico nella nostra regione per originalità e peculiarità, che presenta con una visione comune e omogenea la zona della cittadina di Moie dove sono previste le principali realtà in tema di Istruzione, Cultura e Sport.

Nell’ambito della politica di investimenti portati avanti dall’Amministrazione comunale sul fronte dell’edilizia scolastica, la scuola d’infanzia è stata ristrutturata e sistemata per adeguarsi agli alti standard qualitativi e di offerta formativa già espressi nella realizzazione della “scuola modello” di via Venezia.

La “Rodari” è stata oggetto di un complesso intervento di recupero che ha riguardato la messa a norma sismica, il rifacimento dell’impianto elettrico e di aerazione, la realizzazione di un cappotto esterno, la sistemazione del giardino e la messa a norma dei giochi, oltre alla tinteggiatura e al rifacimento del pavimento con disegni e immagini a misura di bambino. L’importo complessivo dei lavori è stato di un milione e mezzo di euro. Il progetto ha sfruttato un contributo della Provincia di circa 200 mila euro, riguardante la riqualificazione delle strutture scolastiche.

La scuola materna è stata visitata nella mattinata da decine e decine di famiglie, ma anche da semplici cittadini. A colpire tutti, gli ambienti, dal pavimento tappezzato di disegni e immagini colorate, alle pareti, dove sono spuntati simboli e immagini di fiori e animali, in linea con quelli presenti anche nel Polo scolastico di via Venezia. Insomma, una struttura ideale all’accoglienza e all’apprendimento dei più piccoli.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.