FIAB: "La pista ciclabile migliora la qualità di Corso Matteotti " | | Password Magazine

FIAB: "La pista ciclabile migliora la qualità di Corso Matteotti ”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Le parole di Massimo Cerioni della Federazione Italiana Amici della Bicicletta: “L’equazione “vitalità delle imprese = accesso in automobile” secondo noi della Federazione Italiana Amici della Bicicletta (Fiab) non corrisponde ai fatti. Il  contributo della clientela che arriva con mezzi pubblici, in bicicletta o a piedi è molto sottovalutato.

Gli automobilisti non sono clienti migliori dei ciclisti, dei pedoni o degli utenti dei trasporti pubblici. In alcuni casi i ciclisti sono dei clienti migliori: acquistando quantità minori per visita, si recano più regolarmente nei negozi (11 volte al mese in media contro le 7 volte degli automobilisti).

È da sottolineare, inoltre, che la redditività dei negozi è legata alla qualità dell’ambiente, quindi la riqualificazione di Corso Matteotti a Jesi con il mantenimento della pista ciclabile può solo che migliorare quest’area urbana del centro storico.

In Europa si è constatato che lo spostamento di pedoni e ciclisti all’interno dei quartieri è  fortemente aumentato dopo l’introduzione di Zone a 30 Km/h, addirittura con un rialzo del 40%

Riprogettare gli spazi urbani è quindi una misura indispensabile per cambiare abitudini di mobilità, per restituire spazi alla qualità della vita.

A Bologna i commercianti della Strada Maggiore hanno raccolto firme per pedonalizzare la loro via, a Palermo i commercianti di via Maqueda hanno costituito un comitato per dar forza alla loro richiesta di pedonalizzazione della via. Tutti in controtendenza rispetta ai colleghi di Jesi che affermano che le strade servono ad essere percorse dalle auto e che la pista ciclabile non serve a nulla, è dannosa per le attività e pericolosa per tutti, ciclisti e pedoni.

A nostro giudizio bisogna dar voce alle migliaia di “cittadini silenziosi” che invece apprezzano lo sforzo dell’Amministrazione di Jesi  di vedere la città a misura di cittadino, più vivibile e bella, per rimettere in moto un economia locale che sta pagando un prezzo altissimo a questa crisi”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.