Fiabe e burattini in scena per la Stagione Teatro Ragazzi | Password Magazine

Fiabe e burattini in scena per la Stagione Teatro Ragazzi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Questo pomeriggio (21 gennaio) alle ore 17 sono tre gli appuntamenti nella provincia di Ancona per la 34^ stagione di Teatro Ragazzi curata dall’ATGTP Associazione Teatro Giovani-Teatro Pirata.

Al Teatro Pergolesi di Jesi va in scena lo spettacolo “Hansel e Gretel” della compagnia Progetto Zattera, spettacolo dalla fiaba dei fratelli Grimm, vincitore del Premio della giuria di bambini e adulti ad “Europuppet Festival” 2014. Uno spettacolo sospeso tra favola e realtà sull’importanza delle piccole cose; al centro della storia, il viaggio di due bambini abbandonati nel bosco che, attraverso la luce, le ombre e il buio, ritrovano la strada per tornare a casa. Con semplici dialoghi, brevi narrazioni e canti si ricrea lo spazio del teatro, al di fuori del teatro classico, in una stanza illuminata da una candela. La continua trasformazione dei due attori, che di volta in volta diventano narratori, Hansel, Gretel, genitori e strega, tiene viva l’attenzione dello spettatore e lo coinvolge nel viaggio dei due protagonisti, aiutandoli a trovare le risposte di fronte alle difficoltà della crescita.

Nello stesso pomeriggio al Teatro Goldoni di Corinaldo i Giallomare Minimal Teatro propongono “Cappuccetto e la nonna”, teatro d’attore e disegni dal vivo su lavagna luminosa. Una dolce nonnina nella sua casetta dal tetto rosso tra il gatto e i fiori, tra pentole e gomitoli di lana, insegna alla piccola Cappuccetto come difendersi dal lupo per diventare grande, perché la nonna lo sa che il lupo ci prova sempre, è stata anche lei una piccola Cappuccetto. Inizia un duro allenamento a riconoscere lupi e a scacciarli per attraversare il bosco in santa pace. Il lupo si traveste, si nasconde, cambia la voce, cambia strada e cerca bambine con cappuccetti in testa… insomma c’è da stare molto attenti! Cappuccetto impara in fretta a difendersi e a smascherare lupi perché la dolce nonnina conosce tutte le armi segrete ma il lupo ha già spalancato la bocca… Una versione della fiaba che vede in primo piano la nonna all’apparenza innocua, gentile, lenta, sbadata ma invece molto agile e furba, una cacciatrice di lupi, una wondernonna!

Al Teatro del Sentino di Sassoferrato, va in scena “Nessun dorma”, una produzione Atgtp / Teatro Linguaggi, liberamente tratta da Turandot, il dramma lirico in tre atti musicato da Giacomo Puccini e ispirato all’omonima fiaba teatrale di Carlo Gozzi. La Favola della principessa dal cuore di ghiaccio, in una Cina fantastica di mille e mille anni fa, è scenicamente evocata dal racconto di un singolare personaggio, uno di quelli che nell’opera non ha proprio voce (non parla e non canta) ma che si trova al centro dell’azione, tra l’incudine e il martello, o meglio, tra il ceppo e la scure: Pu Tin Pao, il boia. Un boia che taglia teste, come tutti i boia, ma che segretamente sogna storie d’amore a lieto fine. Lo spettacolo riprende i temi dell’opera e l’immaginario che muove, per dar vita ad un nuovo racconto teatrale; il proposito è di trasmettere ai giovani spettatori il fascino di storie, melodie e personaggi del grande teatro d’opera in un’occasione teatrale che muove i linguaggi della scena con visionarietà e ironia.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.