Fidapa Jesi, la neo presidente Pentericci: «Valorizziamo talenti al femminile» | Password Magazine

Fidapa Jesi, la neo presidente Pentericci: «Valorizziamo talenti al femminile»

Intervista alla neo presidente Fidapa Jesi Francesca Pentericci

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Francesca Pentericci (a dx) insieme alla past president Fidapa Jesi Daniela Morresi (a sx)

JESI – Cambio al vertice della Fidapa (Federazione Italiana Donne Arti Professioni e Affari) della sezione di Jesi: l’avvocato Francesca Pentericci succede a Daniela Morresi nella guida della Federazione per il biennio 2017-2018.

Abbiamo voluto fare due chiacchiere con la neopresidente per capire quali sono le sue linee guida e di che cosa la Federazione si occupa nello specifico.

Salve avvocato Pentericci, complimenti per la nuova carica.

Mi piacerebbe iniziare con dei dati storici della Federazione, quando e dove nasce, e soprattutto quando si sviluppa nella realtà jesina.

«L’associazione nasce in America agli inizi del 1900 dalla Dott.ssa Lena Madesin Philips incaricata dal governo americano di fare un po’ il punto sulla forza lavoro femminile durante la prima guerra mondiale: periodo in cui gli uomini, impegnati nei più diversi servizi bellici, dovettero abbandonare i propri posti di lavoro, creando un vuoto produttivo che poté essere colmato reclutando donne capaci di sostituirli. E da qui ha avuto l’idea di fondare quest’associazione nel 1919. Successivamente negli anni ’30 la fondatrice ha iniziato a viaggiare e a portare il pensiero dell’associazione in giro per l’Europa fino ad approdare in Italia: erano presenti in città come Napoli, Roma, Milano e ne facevano parte donne intellettualmente molto avanzate. Vengono poi fatte chiudere durante il fascismo, e rinate nel ’45. Da qui in poi si vanno a diffondere un po’ in tutt’Italia, più forti di prima: tutt’ora facciamo riferimento alla Federazione Italiana nata nel 1945, e a quella Internazionale nata sempre nel dopo guerra. E sono rappresentate anche all’ONU e alla LEF (Lega Europea Femminile). Per quanto riguarda Jesi, la Federazione qui nasce nel 2005. Nella provincia di Ancona oltre a Jesi siamo presenti a Fabriano, Ancona e Senigallia».

Che obiettivi ha la Federazione?

«Promozione delle socie, promozione della donna in generale come motore di sviluppo non solo di sé stessa, ma anche della società. La promozione delle pari opportunità tra donne e uomini, sia nel mondo sociale che nella famiglia e, soprattutto, nel lavoro. Insomma, la valorizzazione della donna con tutti i suoi talenti, non vista solo come donna in sé, ma anche come donna lavoratrice, professionista, artista, cercando di far venir fuori anche l’imprenditoria femminile, poiché l’impresa è uno dei principali motori della società. Sono obiettivi generali me ne rendo conto, ma purtroppo necessari perché ancora il vertice del potere è maschile e quindi un’associazione come la nostra, che è senza scopo di lucro e movimento di opinione, è importante e fondamentale per far arrivare questo pensiero all’interno della società. Soprattutto in società come quelle dei paesi in via di sviluppo, basti pensare alla corrente presidente della Federazione Internazionale che è messicana» .

Con quali strumenti si muove nel territorio?

«Quello che facciamo e abbiamo fatto è valorizzare i talenti delle nostre socie e di tutte le donne. Abbiamo infatti in programma due eventi, uno a dicembre e uno a marzo. Il primo riguarda la presentazione di un libro scritto dalla nostra socia Rossana Pacenti Tosti Mariotti dal titolo “Compro, pago e pretendo”. Mentre il secondo evento di marzo si focalizzerà su delle opere musicali scritte da donne dal 1700 in poi che non sono state valorizzate e questa nostra socia ha deciso invece di dar loro spazio ed importanza. Quello che cerchiamo di realizzare è la valorizzazione della donna e, nel nostro piccolo, il vedere le socie cimentarsi nella scrittura o nelle arti e vederle espresse a 360° è un successo».

Quante socie ha la sezione di Jesi?

«Nella sezione di Jesi siamo attualmente in 45: l’età media è 40, e siamo molto variegate tra di noi, si va dalle artiste, alle libere professioniste, a impiegate di pubblica amministrazione. Ecco, donne che lavorano e che hanno una loro professionalità. In Italia invece siamo 11.000 socie, divise in 7 distretti e circa 300 sezioni».

Quali sono i suoi obiettivi da presidente e i propositi per i due anni di mandato?

«Gli obiettivi da portare avanti sono sicuramente quelli dell’associazione, seguendo anche il tema nazionale 2017-2019 che è “La creatività femminile e la cultura dell’innovazione, motori di sviluppo socio economico politico: Obiettivi e Progetti”, il tutto cercando di coinvolgere al massimo le socie. Questo è quello che ci siamo poste noi del direttivo come obiettivo primario, di andare quindi avanti tutte insieme, perché comunque è un gruppo che insieme lavora molto bene, e tutte le socie partecipano entusiaste. Quindi continuare a portare avanti questo movimento di opinione insieme, cercando di dare, per quello che possiamo, un apporto alla città, o perlomeno di cercare di far veicolare le nostre idee. E lo facciamo con sempre più grinta perché vediamo che la risposta della città c’è, soprattutto da parte del Comune che ci ha fornito il patrocinio, sin dagli inizi dell’associazione, dando la possibilità ai nostri eventi di arrivare a tutta la comunità. Comunque, quello che più mi preme è che ogni socia riesca ad esprimere quello che vale, sempre».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.