Matt Cancelleria
Vai al Sito

Fiere blindate, presidi e varchi d’accesso: task force contro abusivismo

L'assessore Coltorti, Sargenti, Peroni e il comandante Lupidi

JESI – La fiera di San Settimio è alle porte e con essa anche i presidi di sicurezza messi in campo dalla sinergia tra le forze dell’ordine cittadine.

«Vorrei soltanto ringraziare tutta l’amministrazione comunale che da settimane lavora incessantemente per l’organizzazione complessiva dell’evento e per la messa in sicurezza dell’area», commenta l’assessore Ugo Coltorti. La Polizia locale, il corpo dei Carabinieri, la Guardia di Finanza, le forze di polizia e anche il Reparto prevenzione crimine di Perugia sono in prima linea per assicurare la buona riuscita della fiera. «I primari obiettivi delle forze dell’ordine sono la sicurezza della manifestazione e il contrasto all’abusivismo commerciale – spiega il Dirigente Superiore della Polizia locale Cristian Lupidi – e per fare ciò abbiamo messo in servizio 29 agenti che a turni terranno sotto controllo lo svolgimento della fiera». Ma i presidi di sicurezza prenderanno il via già dal giorno prima dell’effettiva apertura della fiera, da sabato nella stazione di Jesi sarà presente un’unità di polizia ferroviaria in più per permettere un efficace controllo di tutti gli arrivi, per cercare di combattere l’abusivismo dalle radici. Inoltre, saranno presieduti circa 18 varchi di accesso della città con pattuglie di Polizia e Carabinieri. «C’è il sentimento di contrastare ogni azione illecita» commenta Lupidi, ricordando che la sanzione amministrativa per l’incauto acquisto è fino a 5000€.
«Quest’anno è stata fatta una delibera ad hoc per la sicurezza e per la viabilità modificata – commenta Matilde Sargenti dell’ufficio Suap di Jesi – inoltre, saranno presenti dei volontari della protezione civile che fungeranno da operatori addetti alle informazioni per una fruizione migliore delle fiere».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*